La Corsica si sveglia dopo una notte senza nuovi drammi, il giorno dopo un maltempo mortale

I nuovi temporali che hanno colpito la Corsica durante la notte da giovedì a venerdì non hanno richiesto alcun intervento di rilievo, il giorno dopo che un incidente di tempesta particolarmente violento ha ucciso cinque persone sull’isola.

Venerdì mattina, il dipartimento dei vigili del fuoco e del soccorso (SDSIS) in Corsica del Sud non era a conoscenza di alcuna interferenza importante o evento degno di nota e in Haute-Corse solo “quattro intrusioni minori” hanno mobilitato i vigili del fuoco.

Météo-France ha annunciato in un bollettino diramato venerdì mattina che la Corsica, che è stata nuovamente posta in stato di allerta arancione dalle 21:00 di giovedì, sta vivendo una “relativa calma”, poiché i temporali sono attualmente “non molto attivi”, con l’identificazione di che “le tempeste attive sono sempre una forma nel mare”.

Questi nuovi temporali, che dovrebbero spostarsi sulla Corsica all’inizio della giornata, “possono dare una grande attività elettrica, un’elevata intensità delle precipitazioni, da 40 a 60 mm in breve tempo, grandine e venti forti vicini agli 80 km / h”, secondo all’Ufficio Met. aria.

I forti temporali, giovedì mattina, hanno ucciso cinque persone in tutta l’isola di Beauty, di cui due in mare, un pescatore di 62 anni e un pescatore di kayak sulla sessantina.

Questa valutazione è stata confermata giovedì sera all’Agence France-Presse dal ministero dell’Interno, dalla Prefettura marittima e dalle province della Corsica, dopo la sesta morte erroneamente annunciata dal ministro dell’Interno Gerald Darmanin dalla Corsica, sulla base di una disinformazione. dei vigili del fuoco.

Una ragazza di 13 anni di cittadinanza austriaca ha perso la vita dopo che un albero è caduto sulla sua casa. Le altre vittime sono un uomo di 46 anni, vittima anche lui della caduta di un albero in un campeggio di Calvi (Corso caldo), e un uomo di 70 anni, ucciso a pochi chilometri dal campeggio di Sagun. da un tetto di paglia cadente. Capanna sulla sua macchina.

READ  Calcio Under 18: la KFA di Lubumbashi vince il 36° torneo "Nerio Rocco" in Italia

Giovedì sera diversi campeggi della Corse du Sud sono stati evacuati in previsione di nuovi temporali, annunciati con “forte intensità di pioggia” ma venti “meno violenti di quelli osservati giovedì mattina”, con velocità superiori ai 200 km/h.

A Hot Corse sono state portate in salvo 5.400 persone “ricoverate nei campi più vulnerabili (Calvi, Calinzana, Arregno, Aljagola, Corbara e Monticello),” si legge in un comunicato della contea.

Durante la sua visita a Sagun, Darmanin ha annunciato che lo stato di calamità naturale potrebbe essere dichiarato già mercoledì.

Ad Ajaccio il Ministro ha partecipato in collegamento video alla prima riunione dell’Unità Interministeriale di Crisi, presieduta da Emmanuel Macron di Fort Breganson (Var).

– ‘In tre secondi il vento ha girato’ –

Dopo aver ammesso di essere stata “sorpresa” da una situazione “eccezionale” e “difficile da prevedere” con i suoi modelli digitali, Météo-France si è difesa dal non attivare in anticipo l’allerta arancione giovedì mattina.

I venti che hanno colpito l’isola sono stati “estremamente violenti” e “inaspettati, comunque inaspettati con tale intensità”, da parte sua stimata Gerald Darmanen, definendo il fenomeno “indubbiamente eccezionale”.

“In tre secondi il vento si è alzato”, ha testimoniato Mary LeVeque, 40 anni, in vacanza con il marito e cinque figli, tra cui un neonato, in una villa a Saguni: “È stato orribile”.

Il ministro dell’Interno ha detto che 20 persone sono rimaste ferite sull’isola, quattro delle quali in modo grave. Tra loro c’è una donna italiana di 23 anni, anch’essa vittima della caduta di un albero nella pineta di Calvi, e secondo la prefettura è ancora “in stato di assoluta emergenza”. Un’unità di assistenza psicologica è stata dispiegata a Calvi.

READ  Charlotte Casiraghi, aristocratica e appassionata: "La gente ama le capanne"

Secondo un comunicato della Prefettura marittima, giovedì in Corsica sono state effettuate 125 operazioni di soccorso in mare, per lo più per “navi in ​​difficoltà”.

Nel centro Italia, giovedì, due persone sono rimaste uccise e circa 50 sono rimaste ferite in un temporale che ha sradicato alberi e spazzato via i tetti in Toscana. Giovedì in Austria una tempesta ha ucciso cinque persone, tra cui due bambini.

alh-mc-jra-jp / sp

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.