La Corsica è in allerta rossa

La Corsica è in allerta rossa
malattie pericolose
il sito vigilance-mosquitoes.com Conferma che il monitoraggio della zanzara tigre si è reso necessario in Francia a causa della sua recente presenza nelle regioni temperate. ” La colonizzazione del territorio francese da parte delle zanzare tigre è in rapido aumento “E quindi” Fenomeni epidemici in rapida diffusione La zanzara tigre ha la capacità di adattarsi alle rigide condizioni invernali e riapparire ogni anno, con il bel tempo, provocando nuovi allarmi sanitari.È un potenziale vettore di gravi malattie, come dengue, chikungunya, febbre gialla e, in misura minore, il virus Zika Questa malattia di origine tropicale, che si diffonde nelle province esterne con epidemie regolari nelle zone turistiche, può essere importata in Francia dai vacanzieri. Ciò aggrava i fattori di rischio. È stato il caso in Italia nel 2007 dove sono stati identificati 300 casi indigeni persone, un mese e mezzo dopo l’arrivo di una persona portatrice di chikungunya sul suo territorio. Nel 2022, la Francia ha registrato 9 focolai epidemici e 65 casi locali. Ogni anno in Corsica si registrano circa cinque casi di febbre dengue importata. Nell’ottobre 2022 , è stato Il primo caso segnalato di infezione nelle popolazioni indigene. I sintomi – febbre alta, mal di testa, dolori articolari o muscolari, eruzione cutanea – possono verificarsi diversi giorni dopo il morso. Si consiglia di consultare un medico in caso di dubbio, in particolare le donne incinte, poiché queste malattie comportano rischi di anomalie fetali durante i primi sei mesi di gravidanza.

Come li riconosci e ti proteggi da loro?
Aedes albopictus è più piccolo di un centesimo: misura appena pochi millimetri. Ha un volo piuttosto lento ed è facilmente schiacciabile in volo. È di colore nero e le sue strisce bianche sulle zampe e sul ventre le hanno fatto guadagnare il soprannome di zanzara tigre. Nidifica in piccole abitazioni dove c’è acqua stagnante: una tazza di vasi di fiori, un annaffiatoio, un secchio, uno stagno fermo, un cavo di alberi, un vecchio pneumatico, una grondaia intasata, ecc… La migliore soluzione per proteggere te stesso da loro è impedire loro di riprodursi svuotando questi serbatoi d’acqua o riempiendoli almeno una volta alla settimana. L’uso di pesticidi è spesso inefficace, come spiegato dall’Agenzia regionale della sanità della Corsica sul suo sito web https://www.corse.ars.sante.fr/les-moustiques-especes-nuisibles :” Esistono diversi modi per proteggersi da esso e l’uso regolare di insetticidi non è la soluzione migliore. Anche se approvati, questi prodotti possono essere irritanti e uccidono solo le zanzare adulte che saranno sostituite entro pochi giorni dalle zanzare esistenti sotto forma di larve. Questi prodotti possono anche avere effetti dannosi sull’ambiente, in particolare uccidendo o schiacciando le api che sono particolarmente sensibili a loro. Il più semplice ed efficace è rimuovere tutte le piccole macchie d’acqua in cui le zanzare possono deporre le uova e svilupparsi. Basta svuotare il secchio e capovolgerlo, pulire la grondaia per facilitare la fuoriuscita dell’acqua, mettere la sabbia nella tazza Ci sono anche predatori naturali come rane, ragni, pipistrelli e soprattutto rondini che mangiano fino a 3.000 zanzare al giorno.

READ  Elenco. Deconfinement: dove e come sarà possibile viaggiare dal 3 maggio?

Come si evitano le punture?
Per evitare di contrarre malattie è necessario proteggersi dalle zanzare tigre. L’OMS raccomanda di evitare gite non necessarie nelle aree endemiche all’alba e al tramonto, indossare indumenti larghi e di colore chiaro che coprano tutto il corpo, comprese le gambe e le braccia, e utilizzare repellenti per la pelle. Consiglia inoltre di dormire in una stanza climatizzata o sotto la protezione di una zanzariera, soprattutto sopra le culle, o dotata di diffusore insetticida. Le lumache possono essere utilizzate all’aperto.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *