Kenya: Un leader di una setta viene processato con l’accusa di “terrorismo” dopo un massacro nella giungla

Kenya: Un leader di una setta viene processato con l’accusa di “terrorismo” dopo un massacro nella giungla

Lunedì inizia il processo contro il leader di una setta evangelica keniana con l’accusa di “terrorismo” dopo che più di 400 dei suoi seguaci sono stati uccisi in quello che è stato soprannominato il “massacro di Shakahola” in un caso che ha scosso il Paese e il mondo.

• Leggi anche: Digiuno mortale in Kenya: le famiglie delle vittime del “massacro di Shakahola” restano senza risposta dopo un anno

• Leggi anche: Veloce mortale in Kenya: Pastor sarà processato anche per ‘assassini’

• Leggi anche: Veloce mortale in Kenya: un pastore processato con l’accusa di “terrorismo”

Un giornalista dell’Agence France-Presse ha osservato che l’autoproclamato pastore Paul Nothing McKenzie è comparso davanti a un tribunale nella città di Mombasa, un importante porto sull’Oceano Indiano, insieme ad altri 94 imputati.

I giornalisti hanno dovuto lasciare la stanza poco dopo l’inizio della seduta per consentire la parola al testimone protetto.

Paul Nothing McKenzie, arrestato nell’aprile 2023, è accusato di incitare i suoi seguaci a digiunare fino alla morte per “incontrare Gesù”.

Lui e il suo coimputato si erano tutti dichiarati non colpevoli delle accuse di “terrorismo” durante un’udienza a gennaio.

Sono anche processati con l’accusa di omicidio, omicidio colposo, rapimento, tortura su minori e crudeltà in casi separati.

I resti di oltre 440 persone sono stati riesumati da una località remota nell’entroterra della città costiera di Malindi.

Le autopsie di 100 vittime hanno stabilito che, mentre la maggior parte morì di fame, alcuni, compresi i bambini, furono strangolati, picchiati o soffocati.

Secondo i documenti del tribunale, da alcuni corpi sono stati prelevati organi.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *