Italia: partiti di coalizione pronti a rieleggere presidente uscente

I partiti della coalizione di governo in Italia hanno annunciato sabato di aver accettato di rieleggere il presidente uscente Sergio Mattarella, temendo per la stabilità politica del Paese in caso di mancato ritrovamento di un suo successore.

A 80 anni, il presidente Mattarella ha però più volte affermato di non avere intenzione di continuare in carica. Nonostante questo, ha ottenuto quasi 400 voti al settimo scrutinio.

L’ottavo turno inizierà sabato alle 16:30 ora locale (15:30 GMT), e per essere eletto Mattarella dovrà raccogliere almeno 505 voti.

La carica di presidente in Italia è in gran parte cerimoniale, ma ha un ruolo importante in caso di crisi politica, in un Paese il cui panorama politico è molto frammentato. È lui che ha il potere di sciogliere il Parlamento, di nominare il Presidente del Consiglio e può rifiutare il mandato di governo a coalizioni che considera troppo fragili.

L’elezione del suo successore si trascina dall’inizio della settimana, in assenza di un accordo su un nome.

Nonostante tutti i partiti politici rappresentati in Parlamento, ad eccezione del partito di estrema destra Fratelli d’Italia, facciano parte della coalizione che sostiene il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi, la destra, la sinistra e il Movimento 5 Stelle non mancano per raggiungere un consenso.

Draghi, ex capo della Banca centrale europea, era uno dei favoriti per la carica di presidente prima delle elezioni, ma molti parlamentari sono riluttanti a votare per lui, temendo che la sua partenza dal governo destabilizzi l’esecutivo al punto di convocare in anticipo elezioni entro la fine della legislatura prevista per il 2023.

READ  Campionato Italiano: l'Inter atomizza il Milan e prende il comando

“Chiediamo a Mattarella di restare, di continuare con la stessa squadra, con Draghi” alla guida del governo Matteo Salvini, leader del partito di estrema destra La Ligue, lanciato sabato dopo il fallimento del candidato che aveva offerto su Venerdì.

L’ex presidente del Consiglio e miliardario Silvio Berlusconi, anch’egli candidato ma fallito, ha detto che il suo partito sarebbe pronto a votare per Mattarella.

“Sappiamo che gli stiamo chiedendo un grande sacrificio, ma sappiamo anche che possiamo chiederglielo nell’interesse del Paese”, ha commentato Berlusconi.

Il signor Mattarella, che ha già scontato un mandato di sette anni particolarmente tumultuoso, tra crisi politiche e coronavirus, sembra però riluttante a restare. Secondo i media sabato, Draghi lo avrebbe incontrato a lungo per cercare di convincerlo ad accettare un nuovo mandato.

Questo giudice siciliano, poco conosciuto prima della sua ascesa alla presidenza nel 2015, ha saputo gestire con diplomazia una difficile esplosione politica, ruolo apprezzato da tutti i partiti italiani.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.