Italia: palestre aperte al 35% della capienza

Il Comitato tecnico scientifico e il Consiglio dei ministri hanno dato il via libera alla vendita dei biglietti in custodie chiuse in Italia, ad una tariffa del 35% della capienza e con l’obbligo del Green Pass*. Il presidente della Federazione Italiana (FIP), Gianni Petrucci, ha commentato la decisione, affermando che la misura scelta è insufficiente, ma la considera comunque un passo avanti.

Se hanno aumentato la capacità, Quello significa che la misurazione precedente era sbagliata, quindi avevamo ragione. Vezzali sta cercando di proteggere il nostro mondo e lo ringrazio, ma continueremo a chiedere spiegazioni tecniche al governo e al CTS

Ben più severi, invece, i commenti riportati da “Il Resto del Carlino” di Luca Baraldi, amministratore delegato della Virtus Segafredo Bologna:

“Apprezziamo lo sforzo della federazione e della lega, ma il 35% è un limite troppo basso. Camere dovrebbe essere completamente aperto a coloro che sono in grado di non essere infettati. Chi ha il pass verde deve poter entrare e i club devono poterli accogliere senza restrizioni. Io ripeto, il il vero problema è avere un pubblico perché una stagione con installazioni di poco più di un terzo non è praticabile. Non possiamo accontentarci di un provvedimento che sta andando nella giusta direzione, ma che ancora non va incontro alle esigenze di tifosi e società, che per primi hanno a cuore la salute di chi paga il biglietto”.

Anche Antonio Bulgheroni, dirigente del Varese, si disse perplesso:

“Sono piuttosto stupito. Se non è al 100%, almeno al 50%”.

*Il pass verde è l’equivalente del pass sanitario in Francia. Viene rilasciato ai residenti in Italia che hanno completato il ciclo vaccinale o guariti dal coronavirus negli ultimi sei mesi.

Leggi anche… (e questi NON sono annunci)

READ  Giro d'Italia - La Bardiani-CSF-Faizanè fa il punto sul suo Giro

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *