Italia: Juventus penalizzata di 15 punti in classifica per trasferimenti discutibili, ex capolista squalificata

Un ritiro di 15 punti in campionato è stato deciso, questo venerdì 20 gennaio, contro la Juventus di Torino, dalla giustizia sportiva italiana, a causa di frode contabile durante i trasferimenti dei giocatori.

La Juventus Torino è stata penalizzata con un ritiro di 15 punti in campionato dalla giustizia sportiva italiana per frode contabile durante il trasferimento dei giocatori, ha annunciato questa sera di venerdì 20 gennaio la Federcalcio italiana. La Juve era stata assolta con altri dieci club in questo caso nella primavera del 2022 ma la Corte d’appello della Federazione ha accolto la richiesta della Procura federale di riaprire il caso, solo per il club torinese, alla luce degli elementi trasmessi dalla giustizia italiana che sta indagando anche sui conti della “Vecchia Signora”, si legge in un comunicato della Federazione.

Ex leader sospesi

Infliggendo alla Juve questa sanzione di 15 punti, “da scontare nella stagione in corso” secondo i termini di questo comunicato, l’istanza è andata oltre le richieste del pm che aveva chiesto un prelievo di nove punti.

La Corte d’Appello ha imposto lunghe sospensioni anche agli ex vertici del club torinese: due anni e mezzo contro l’ex ds Fabio Paratici, oggi al Tottenham, e due anni per l’ex presidente Andrea Agnelli, che si è ufficialmente dimesso questa settimana .

Anche qui le sanzioni sono più forti delle requisizioni del procuratore federale Giuseppe Chinè.

La Juve può impugnare la decisione

La Juventus ha la possibilità di impugnare davanti al Comitato Olimpico Italiano (Coni) questa sanzione che compromette notevolmente le sue possibilità di finire nelle prime quattro della Serie A e quindi di disputare la prossima stagione nella lucrosa Champions League.

READ  La polizia italiana sequestra dipinti di Picasso, Cézanne e Kandinsky dall'architetto del palazzo di Putin

Se in origine erano stati perseguiti altri club, in questo caso è sempre stata in prima linea la Juventus, accusata di aver notevolmente sopravvalutato i prezzi di cessione di alcuni giocatori per registrare nei propri conti plusvalenze artificiosamente gonfiate.

Indagini in corso per possibili frodi contabili

La Juve è anche oggetto di un’inchiesta giudiziaria su possibile frode contabile per limitare artificialmente le proprie perdite nei propri bilanci presentati agli investitori.

La Procura di Torino ha chiesto ai primi di dicembre il licenziamento di Andrea Agnelli e di altri undici ex dirigenti. Tale richiesta dovrà essere esaminata a fine marzo.

Andrea Agnelli ha annunciato le sue dimissioni a fine novembre, sotto pressione legale. Il suo successore alla presidenza, Gianluca Ferrero, è stato ufficialmente insediato mercoledì.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.