Italia. In Toscana gli operai della GKN Campi Bisenzio salvano la loro fabbrica

L’incubo è durato poco più di due mesi. Il 9 luglio, quando tutti pensavano già alle vacanze, i lavoratori della GKN di Campi Bisenzio hanno appreso via e-mail della chiusura della loro fabbrica. Per tutta l’estate hanno guidato la lotta alla delocalizzazione per salvare i 422 posti di lavoro a tempo indeterminato di operai, quadri e impiegati, oltre a quelli di 80 precari. La loro lotta è stata ripagata. Lunedì il tribunale di Firenze si è pronunciato a loro favore. Un ricorso era stato presentato dalla Federazione degli operai e degli operai metallurgici (Fiom-Cgil), accusando di intralcio la dirigenza del fornitore automobilistico.

Un sito occupato tutta l’estate

La giustizia ha ritenuto che questa critica fosse fondata. “Il comportamento antisindacale è consistito nell’impedire al sindacato di discutere, come avrebbe avuto diritto, nella delicata fase decisionale”, possiamo leggere nella sentenza. Il giorno in cui è stata inviata la mail, ai dipendenti era stato concesso un giorno eccezionale di ferie per evitare qualsiasi mobilitazione. Ciò non aveva impedito ai sindacati di organizzare la lotta, con l’occupazione della fabbrica e varie manifestazioni, per tutta l’estate, in Campo Bisenzio ea Firenze. Anche sabato scorso un grande corteo di migliaia di persone ha sfilato per le vie dell’area metropolitana fiorentina.

La sentenza del tribunale impedisce i licenziamenti per un po’. Nel corso di una riunione al Ministero dello Sviluppo Economico, il Segretario della Fiom Michele de Palma ha chiesto che “Riprendere subito la produzione con il rientro al lavoro di tutti i lavoratori” e ha invitato il governo a garantire che “Per far valere la responsabilità civile della società”. Anche il comitato di fabbrica che ha occupato i locali ha accolto con favore la decisione: “Il primo pensiero nel ricevere la sentenza va a tutte le controversie aperte (in Italia), a chi era in piazza con noi, a chi sarà in piazza con noi. Abbiamo solo risparmiato tempo e questo tempo è necessario per darci una caduta diversa. “

READ  Italia: questi giocatori che si sono uniti all'Inter dal Milan

Una lotta emblematica

La lotta di GKN è emblematica. Perché la salute economica di questo sito di fornitori automobilistici non era in discussione. Mai, negli ultimi sei anni – se non nel 2020, anno di pandemia e dove erano stati fatti grandi investimenti – il sito è andato in rosso, ha ricordato il 30 agosto Dario Salvetti, eletto Fiom al GKN. Il gruppo, di proprietà dal 2018 del fondo finanziario britannico Melrose, prevedeva di fornire al principale Fiat le stesse parti, ma da stabilimenti, più economici, situati nell’Europa dell’Est per massimizzare i suoi profitti, affermano i sindacati.

A seguito della loro lotta, il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, ha lavorato a un disegno di legge anti-ricollocamento. Passati al vaglio delle preoccupazioni di Confindustria, i datori di lavoro italiani che hanno denunciato un testo che “Punisce le aziende”, la proposta ora sul tavolo è meno ambiziosa di quanto non fosse nella sua versione originale. Laddove fosse previsto un prelievo del 2% sul fatturato in caso di chiusura di uno stabilimento senza valido motivo economico, un gruppo di oltre 250 dipendenti non riceverà più aiuti pubblici per cinque anni.

A sinistra, alcuni stanno spingendo per una rapida approvazione della legge che consente la sospensione dei licenziamenti, in modo che le misure future possano fare la loro parte all’indomani del conflitto a GKN. Perché la direzione dell’azienda non fa mistero di voler comunque chiudere il sito prima o poi. Mentre il governo di Mario Draghi autorizza nuovamente i licenziamenti, vietati a causa della pandemia nel 2020, i dipendenti di altre fabbriche e aziende sono interessati a tale legge.

READ  il surplus commerciale continua a salire a gennaio

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *