Individuazione precoce e mantenimento del follow-up per le famiglie a rischio

Di base

  • Circa il 10% delle persone con cancro della pelle ha una storia familiare.
  • Il rischio di sviluppare questo cancro della pelle aumenta da due a tre volte per coloro che hanno un parente malato.
  • La diagnosi precoce del melanoma può ridurne le dimensioni.

Il cancro della pelle è uno dei principali tumori della pelle. Ogni anno vengono diagnosticati circa 15.000 nuovi casi. La diagnosi precoce consente loro di essere trattati efficacemente grazie alla chirurgia e negli ultimi anni,Immunoterapia. Recentemente, i ricercatori Ha identificato un gene che genera resistenza in alcuni pazienti Questo metodo di trattamento consente di migliorarne l’efficacia. In un nuovo studio, scienziati americani hanno suggerito che nelle famiglie ad alto rischio genetico, coloro che hanno ricevuto uno screening precoce di routine e un’educazione sugli autoesami della pelle avevano maggiori probabilità di successo con trattamenti importanti che riducono le dimensioni dei melanomi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Epidemiologia, biomarcatori e prevenzione del cancro Il 2 aprile.

Il gruppo segue dal 1976

Circa il 10% delle persone con cancro della pelle ha una storia familiare. Il rischio di sviluppare questo cancro della pelle aumenta da due a tre volte per coloro che hanno un parente stretto – padre, madre, fratello, sorella o figli – che è malato. “Questi individui includono membri della famiglia a rischio, classificati come aventi almeno due parenti che ne hanno uno, e quelli con varianti genetiche patogene che aumentano il rischio.Dettagli, Michael Sargin, dermatologo, ricercatore presso il Dipartimento di Epidemiologia e Genetica presso National Cancer Institute E l’autore principale dello studio. Se è nota la necessità di una diagnosi precoce,Il valore dello screening non è stato determinato nelle famiglie a rischio di melanomaLui spiega.

READ  Astronomy Calendar for 2021: When to see full moons, planets, eclipses, and meteor showers

Per capire se lo screening e l’educazione nelle tecniche di autoesame della pelle tra le famiglie a rischio di melanoma consentirebbero una diagnosi precoce, i ricercatori hanno esaminato i dati dello studio. Melanoma familiare NCI. Quest’ultimo è stato lanciato nel 1976 per studiare i fattori di rischio genetici e ambientali per le malattie. “Al momento dell’iscrizione e durante lo studio, i partecipanti hanno ricevuto una scansione di tutto il corpo, foto di tutto il corpo con riprese ravvicinate di talpe potenzialmente problematiche, informazioni sull’insorgenza del melanoma e strategie per proteggere la loro pelle dai raggi ultravioletti (UV).Ai partecipanti è stato anche chiesto di avere un follow-up annuale con un dermatologo locale per i loro controlli di scansione di tutto il corpo, ha descritto Michael Sargin.

Mantenere il monitoraggio a lungo termine

Per valutare il successo dello studio, i ricercatori hanno confrontato le differenze di spessore del melanoma e stadio del tumore tra i partecipanti diagnosticati prima e dopo l’occupazione. “Lo spessore del tumore, o quanto in profondità un tumore cresce sotto la superficie della pelle, è associato a un aumentato rischio di morteIn totale, tra i volontari, ci sono stati 293 casi su un totale di 79.530 persone seguite, di cui 246 avevano già avuto melanoma all’inizio dello studio mentre 47 si erano sviluppate durante il periodo di follow-up.

I ricercatori hanno scoperto che coloro che hanno scoperto il melanoma durante lo studio avevano un melanoma significativamente più sottile di quelli che ne avevano già uno: 0,6 mm contro 1,1 mm. È una tendenza che è stata confermata quando i ricercatori hanno confrontato questi risultati con i risultati della popolazione nel suo complesso, mentre dal 1973, con il miglioramento della prognosi, è stata osservata una diminuzione complessiva delle dimensioni dei melanomi. “Ciò indica che la tendenza alla diminuzione dello spessore osservata nella popolazione non spiega completamente la diminuzione dello spessore osservata nelle famiglie a rischio e che il monitoraggio a lungo termine può aiutare nella diagnosi precoce della malattia nei pazienti.Stime di Michael Sargin.

READ  Decomposizione anomala ed "eccitata" delle particelle al CERN




You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *