In giro per l’Italia: la bella fuga dei fratelli Paret-Peintre | TV5MONDE

In giro per l’Italia: la bella fuga dei fratelli Paret-Peintre |  TV5MONDE

Due fratelli per il Giro in piena luce: Aurélien e Valentin Paret-Peintre fanno saltare lo schermo al Giro d’Italia mentre Savoia perpetua brillantemente la tradizione ciclistica dei fratelli.

Vedere i due fratelli scappare con la maglia bianca del team AG2R-Citroën durante la 16ª tappa di martedì rimarrà una delle immagini più belle di questa 106ª edizione.

“Abbiamo condiviso qualcosa di unico. Era la prima volta che ci trovavamo insieme in uno stato di separazione. È stato incredibile”, ha detto Valentine, il più giovane del 22enne, in un’intervista ad AFP, ventiquattro ore dopo la loro bella fuga. che alla fine si incastrò sulle pendici del Monte Bondone.

“Non c’è stato alcun risultato alla fine, ma è un giorno che rimarrà. Nel gruppo ci siamo congratulati: i fratelli Paret-Peintre hanno dettato la gara”, ha detto Aurélien, il maggiore di cinque figli.

Non era la prima volta che Paret-Peintre si distinguevano da entrambi al Giro. Valentine, che è stato molto attivo nel suo primo Grand Tour, è scivolato in altre divisioni per firmare diversi riconoscimenti (5°, 13°… 31° assoluto).

“All’inizio, volevo soprattutto dimostrare alla squadra che avevano ragione a fidarsi di me. Forse un posto nella top 20. Il contratto è stato ampiamente rispettato”, assicura il languido scalatore.

“ne beneficiamo”

Aurélien (16° assoluto) ha vinto una tappa, quarta verso il Lago Laceno, per un altro forte momento di famiglia: Valentin era ancora impegnato nella salita finale quando ha ripreso in diretta sullo schermo della macchina del suo direttore sportivo il fratello che alza le braccia oltre il traguardo ancora più in alto, prima di esplodere di gioia.

READ  Conte definisce "irrispettose" le voci sulla Juventus

La dinastia Pelissier, Jean e Louison Bobbitt, Andy e Frank Schleck… Vedere i fratelli scalare insieme passi di montagna ha segnato la storia del ciclismo.

“Non cerchiamo di confrontarci con altri fratelli, andiamo entrambi per la nostra strada. Ma non lo avremmo mai immaginato. Quindi ne traiamo beneficio”, afferma Aurélien.

Paret-Peintres percorsero entrambi due strade. Caduti nel destino da bambini in una famiglia di ciclisti con la sorella Maeva, vengono prima allenati dal padre, il capo del VC di Annemasse, prima di entrare nel centro di formazione di Chambéry e muovere i primi passi. Come professionista nel team AG2R – Citroën.

“Abbiamo vinto praticamente le stesse gare tra i giovani”, assicura O’Reilin, vincitore della Junior Alpine Classic nel 2013, sei anni prima del fratello.

Insieme al Tour de France?

Per la loro seconda stagione con i professionisti, l’anziano dice di essere stupito dalla prestazione del suo fratellino: “Non l’ho mai visto a questo livello così presto”.

Cosa ti fa pensare subito al Tour de France?

“Quest’anno è troppo presto ma diventa possibile tra un anno o due”, calcola il primogenito, quindicesimo alla Grande Boucle nel 2021 e che dovrebbe esserci quest’estate.

“Preferisco prendermi il mio tempo e andarmene quando sono pronto. Ho solo 22 anni, non ho fretta”, concorda il più giovane.

Nel frattempo, i due assaporano la gioia di correre insieme, che finiscono per strofinarsi un po’ le spalle. “Ci divertiamo, parliamo. Abbiamo un grande legame ma quando siamo a Chambery durante la settimana ci vediamo molto poco. Io me ne andai di casa quando avevo 18 anni e lui 13. Ho sempre avuto l’impressione che lui aveva 13 anni”, dice O’Reilin con una grande risata.

READ  Su qualsiasi canale per vedere la partita, la rosa e le ultime notizie sulle partite di Serie A

“Noi lavoriamo così”, conferma Valentin. Mi ha dato molti consigli quando ero piccolo, ma ora mi lascia capire un po’ e commettere errori da solo. Ma sappiamo entrambi che se avremo bisogno l’uno dell’altro, lui ci sarà”.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *