Immigrati, Mattarella riapre con Macron. L’Italia chiede a Bruxelles di tenere un vertice

Potrebbe essere stata una telefonata dolorosa, ponderata e condivisa con il governo, che ora deve compiere i prossimi passi.
Terminata la sua visita in Olanda, dove ha potuto condividere con il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani le preoccupazioni e le possibili soluzioni alla crisi che la Francia sta ponendo con i migranti, Sergio Mattarella ha deciso di esserci di persona sabato sera.

L’appello che riaprirà i canali diplomatici

Una telefonata amichevole con il presidente francese ha riaperto i canali diplomatici tra Roma e Parigi e soprattutto ha contribuito a congelare la situazione che si stava deteriorando. L’editoriale che Mattarella si è affrettato a rivolgere al presidente del Consiglio.

Mattarella ascolta Macron: “Serve cooperazione”

I rapporti bilaterali restano quindi in un vuoto diplomatico, in attesa di segnali e risposte da parte dell’autorità esecutiva, che devono necessariamente andare oltre i rapporti bilaterali.

La candidatura dell’Italia all’Unione Europea

Anzi, il consenso è più ampio, come dimostra la richiesta dell’Italia a Bruxelles per un vertice sui migranti a livello dei ministri degli Esteri e dell’Interno. Il problema esiste al di fuori delle melodie e Sergio Mattarella ha sempre sostenuto cause di maggiore solidarietà su questo tema.

Certo, forse non si sarebbe aspettato tanta mascolinità nelle dichiarazioni di Francia e Italia. Così, come al solito, ha trascorso una notte contemplando il suo ritorno da Maastricht mentre gli sherpa preparavano la rotta, e sabato sera ha chiamato l’Eliseo.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.