Iliad, la casa madre di Free, conferma il suo buon slancio

Lo stress del ritorno a scuola? Non per l’Iliade! Il Gruppo Xavier Niel, ora in Italia e Polonia, martedì ha registrato buoni risultati del secondo trimestre, permettendogli di affrontare i prossimi mesi con una certa calma. “Siamo stati in grado di sviluppare un modello di crescita unico tra gli operatori di telecomunicazioni in tutta Europa”, conferma Thomas Raynaud, Direttore Generale.

In un contesto macroeconomico complesso, tra inflazione e prezzi energetici elevati, l’operatore ha registrato una buona crescita delle vendite, cresciute dell’11,4% a 2,1 miliardi di euro nel trimestre e dell’8,1% nel semestre (4 miliardi). A tassi di cambio e range costanti, la crescita è stata del 6,6% negli ultimi tre mesi. Ciò consente a Iliad di rivendicare “la crescita più forte tra le prime 15 società” per le società di telecomunicazioni europee.

Anche la redditività è aumentata del 10,1% nel semestre su base analoga, con un Ebitdaal (post leasing) valutato a 1,58 miliardi di euro, grazie in particolare a Italia e Francia. Infine, una riduzione degli investimenti (-1,6% dalla metà) ha avuto un effetto benefico sul flusso di cassa operativo, cresciuto del 54% a 557 milioni di euro. Alla fine, l’Iliade ha chiuso il semestre con un utile netto di 639 milioni (+167%).

9 milioni di abbonati in Italia

Questi buoni risultati sono trainati principalmente dall’Italia (+16,8% di crescita) dove Iliad ha superato la soglia dei 9 milioni di abbonati negli ultimi mesi. Il gruppo è nato quattro anni fa nella Penisola, prima su mobile, prima di raggiungere la fibra all’inizio del 2022. Da allora, 68.000 italiani si sono iscritti al popolare Freebox. “In termini di fibra possiamo occuparci del 25% delle famiglie italiane e intensificheremo gli sforzi, assicura Thomas Raynaud. Ogni giorno espandiamo la nostra copertura. Nel mobile, il gruppo ha firmato un accordo di condivisione della rete con l’operatore WindTre per coprire meglio aree scarsamente popolate.

Il momentum è più debole in Polonia (+1,8% in range e tassi di cambio costanti) a causa degli influssi normativi. Iliad è arrivato in questo Paese dell’Est europeo alla fine del 2020, dove ha lanciato un’offerta amichevole per l’acquisizione da 2,2 miliardi di euro dell’operatore Play. Un anno dopo, in linea con la sua strategia di convergenza fisso-mobile, il gruppo ha poi acquistato l’operatore via cavo polacco UPC da Liberty Global per 1,5 miliardi di euro. Questa risorsa è stata fusa ad aprile e Iliad ora serve 14,6 milioni di abbonati in Polonia.

10 miliardi di debito netto

Queste operazioni hanno cambiato il volto dell’Iliad: l’operatore ora genera un terzo delle sue vendite al di fuori della Francia. Ma hanno anche ampliato il debito, che nel semestre ha raggiunto i 10 miliardi di euro. Acquisizione di UPC il 1Versetto Pertanto, aprile ha aumentato la leva finanziaria (3,1 volte l’Ebitdaal, rispetto a 2,7 volte alla fine del 2021). Tuttavia, il gruppo – che ha lasciato la borsa, come Altice – si dice fiducioso. “Non abbiamo problemi ad accedere ai mercati del debito”, spiega Thomas Raynaud. A riprova di ciò, Iliad ha raccolto quest’estate 5 miliardi di euro, parte dei quali serviranno a pagare le frequenze 5G in Italia a settembre e per rafforzare la rete.

Anche in Francia l’Iliade mantiene un buon slancio. Come nel primo trimestre, Free si distingue come il primo datore di lavoro di abbonati di rete fissa (+67000) e impiega 120.000 su mobile, consentendo all’operatore di raggiungere 21 milioni di clienti a livello globale. In termini di fibra, Orange ha mantenuto la sua leadership con 263.000 nuovi clienti nel periodo contro i 204.000 di Free e i 143.000 di Bouygues e SFR, dal canto suo, non ha annunciato i dati del secondo trimestre.

READ  I dipendenti stanno manifestando a Parigi

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.