Il Presidente Kais Saied riceve il Ministro degli Affari Esteri italiano: Accelerare la risoluzione del problema dei rifiuti domestici

Il ministro italiano ha promesso di lavorare all’attuazione delle sentenze emesse dalla magistratura italiana in questo caso.

Il Presidente della Repubblica, Kais Saied, ha ricevuto ieri a Palazzo Cartagine il Ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio.

In tale occasione il Capo dello Stato ha sottolineato la necessità di accelerare la liquidazione dei rifiuti domestici importati illegalmente dall’Italia alla Tunisia, invitando in tal senso ad attuare programmi di cooperazione bilaterale nel campo del recupero energetico dai rifiuti.

Il ministro italiano ha promesso di lavorare per garantire l’attuazione delle sentenze emesse dalla magistratura italiana in questo caso.

Il 24 luglio 2021, il Consiglio di Stato italiano ha emesso una sentenza nel caso di rifiuti importati illegalmente dall’Italia in Tunisia tra maggio e luglio 2020 e ha invitato la società italiana SRA a restituire i contenitori spediti in Tunisia conformemente a tale decisione. Con decisione delle autorità della provincia italiana della Campania, chiedendo che si riprenda 282 contenitori (7.800 tonnellate) entro novanta giorni dal 9 dicembre 2020.

L’incontro ha affrontato anche il tema dell’immigrazione clandestina. In tale contesto, il Presidente Saeed ha ritenuto che la gestione tradizionale di questo fenomeno si sia rivelata inefficace, sottolineando la necessità di individuare altre soluzioni comuni che affrontino le cause dell’immigrazione clandestina e incoraggino un’immigrazione regolare che garantisca i diritti degli immigrati.

Il Presidente Said ha espresso la ferma determinazione della Tunisia a consolidare le proprie relazioni con l’Italia ea sviluppare nuovi approcci per accrescere le promettenti prospettive di cooperazione bilaterale in vari campi. Ha fatto riferimento alle difficoltà economiche e sociali che sta attraversando la Tunisia, sottolineando che il Paese dipende principalmente dalle proprie capacità per superare queste difficoltà.

“Contiamo anche sul sostegno dei nostri partner tradizionali e dei paesi amici, compresa l’Italia”, ha aggiunto.

Da parte sua, il capo della diplomazia italiana ha indicato che la sua visita in Tunisia riflette l’impegno del governo italiano a rafforzare i rapporti di amicizia e cooperazione tra i due Paesi. “L’Italia sostiene il processo di riforma avviato dal presidente tunisino”, ha affermato. Di Maio ha indicato che il suo Paese ha adottato misure con i suoi partner e il Fondo monetario internazionale per sostenere la Tunisia in questo periodo delicato, aggravato dalle ripercussioni della situazione sanitaria.

Il ministro italiano ha inoltre accolto con favore il livello di cooperazione bilaterale nella lotta alla migrazione irregolare, esprimendo la disponibilità del suo Paese ad aumentare la quota di migranti regolari tunisini in Italia.

READ  Gli Stati Uniti esortano gli alleati a rimpatriare i combattenti islamisti

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *