Il nostro consiglio fondamentale per diventare un attore attivo nella tua salute

Salute

I tre messaggi da ricordare: mangia meglio, mantieniti attivo e controlla il tuo peso.


Ad ogni pasto, trovare un equilibrio tra divertimento e alimentazione sana è una sfida! Il professor Andre van Gussum, gastroenterologo e responsabile della nutrizione medica presso il Burdett Institute, e Noémi Leroux, dietista registrata, rivelano modi concreti per prevenire il cancro. Quotidianamente, i loro consigli di supporto nutrizionale sono implementati in tre parti: prevenzione, raccomandazioni durante il trattamento e consigli post-cancro.

Possiamo, con la nostra dieta, ridurre il rischio di cancro?
La dieta è un fattore modificabile che può essere controllato, come l’esposizione al sole, il fumo, l’alcol o persino l’attività fisica. A questo livello, il paziente può essere un attore della sua salute. I tre messaggi importanti sono i seguenti: mangia meglio, mantieniti attivo e controlla il tuo peso, ovvero “mangia e muoviti”! Ovviamente, non dobbiamo nascondere il fatto che conviviamo anche con fattori non modificabili (fattori genetici) e altri fattori difficilmente modificabili individualmente: inquinamento, pesticidi negli alimenti, ecc.

Il modo migliore per preparare il tuo piatto ogni giorno?
Il consumo di fibre alimentari in cereali integrali, frutta e verdura rafforza la nostra salute attraverso il suo effetto sul microbioma intestinale. Anche i latticini (calcio e proteine) hanno un effetto positivo se non vengono consumati in eccesso. Si consiglia di consumare da una a tre porzioni di latticini al giorno. Una porzione è un bicchiere di latte, yogurt o una fetta di formaggio. Ad esempio, non più di tre bicchieri di latte al giorno. perché ? L’eccesso di latticini può essere un fattore di rischio per il cancro alla prostata. Infine, l’allattamento al seno è un fattore protettivo contro il cancro al seno.

Quali cibi dovremmo mangiare con moderazione?
La priorità è ridurre il consumo di alcol: non più di 10 unità a settimana compresi due giorni di astinenza. Ovviamente l’ideale è non consumarla per niente o pochissimo… Le carni rosse, tra cui vitello e agnello (massimo 500 grammi a settimana) e soprattutto le carni lavorate (massimo 50 grammi al giorno) sono meno benefiche per la salute a causa del presenza di Più nitriti, sali e acidi grassi saturi. Per i bambini consigliamo, in termini di servizio, di non superare le dimensioni del palmo della mano. Inoltre, i piatti pronti sono spesso molto salati. Dipende molto anche dalla qualità del mangime utilizzato. L’eccesso di sale ha un effetto sul cancro allo stomaco, in particolare sulla pressione alta. »

READ  Tour de France: La bandiera della Secessione

Leggi anche>Cibo: le cinque idee ricevute che dovresti dimenticare a tutti i costi

Pr André Van Gossum e Noémie Lero. © d

Il pubblico in generale sottovaluta spesso l’impatto dell’obesità sul cancro?
La prevenzione dell’obesità dovrebbe iniziare durante l’infanzia. Tra i giovani adulti obesi, i tumori del colon sono in aumento. Ricordiamo che l’obesità viene dichiarata quando l’indice di massa corporea (BMI) è superiore a 30. Aumenta anche il rischio di cancro al seno e al fegato (mediante la NASH all’interno del foie gras). Anche dopo il trattamento per il cancro al seno nelle donne, il riacquisto di peso è un fattore di rischio, soprattutto per le persone che erano già in sovrappeso prima del trattamento. Tra 20 o 30 anni, il cancro al fegato sarà il tipo più comune di cancro al fegato negli Stati Uniti. Per la NASH (fegato grasso non alcolico), lo zucchero è anche un cattivo alimento perché il fruttosio si trasforma in grasso nel fegato. Pertanto, le bevande gassate contenenti fruttosio dovrebbero essere evitate. Si consiglia inoltre di evitare di consumare succhi di frutta in quantità eccessive perché contengono tanto zucchero quanto le bibite. »

È fin troppo comune, le diete vegetariane e vegane proteggono meglio dal cancro?
Funzionano solo nella misura in cui escludono la carne rossa. Permangono altri rischi. Le persone che seguono queste diete possono essere in sovrappeso, bere alcolici o fumare. »

Hai un consiglio semplice ma efficace da dare?
Soprattutto, quando possibile, goditi i pasti in famiglia e guarda cosa stiamo mangiando. Molti dati scientifici sono positivi per quanto riguarda la dieta mediterranea, che si basa su una dieta variata. Anche lo stile di vita gioca un ruolo importante: niente fumo, niente o poco alcol, controllo del peso con un BMI compreso tra 20 e 27,5 e soprattutto attività fisica. L’attività fisica (75 minuti a settimana di attività cardio intensa o 150 minuti di attività moderata come una camminata veloce senza apnea, per esempio) è essenziale. Non bastano le faccende domestiche e il tuo giardino. Sentiti libero di chiedere consiglio. Il Burdett Institute ha programmi di supporto di alta qualità. È anche importante evitare lo stress e dormire bene la notte. Infine, il caffè preferisce avere un effetto positivo come l’olio d’oliva… ma questo si inserisce in una dieta complessivamente sana.

READ  Come si trasmette e si diffonde la scienza? Rassegna Stampa Scientifica Novembre 2021

Leggi anche>La mancanza di sonno può essere causata da questi problemi di salute (video)

Stai anche attirando l’attenzione sulle carenze nutrizionali, un problema non riconosciuto?
Al momento della diagnosi di cancro, il 30% dei pazienti arriva e presenta segni di malnutrizione: 5% di calo ponderale, ridotta assunzione di cibo senza che se ne accorga… Questa è perdita di peso, ma soprattutto perdita di massa muscolare spesso sottovalutata dai pazienti. Lo stato di denutrizione avrà un impatto sulla tolleranza e sulla risposta al trattamento, nonché sulla qualità della vita e sulla sopravvivenza. Purtroppo, ad oggi, la consulenza nutrizionale ambulatoriale per i pazienti malnutriti non è rimborsata. Anche qui questo porta alla disuguaglianza sociale. Una vera questione di scelta sociale.

durante il trattamento

Al Burdett Institute, ogni paziente beneficia di cure personalizzate in base al trattamento. Stiamo molto attenti a scoraggiare il digiuno e la dieta chetogenica durante il trattamento. Queste diete mirano a far morire di fame le cellule tumorali. Gli studi sugli animali suggeriscono che potrebbe funzionare. Tuttavia, non esiste una comunità scientifica che raccomandi questo tipo di dieta in quanto potrebbe esacerbare le carenze nutrizionali nel paziente. Ma rimaniamo attenti a questi studi, soprattutto per il trattamento del glioblastoma cerebrale… Quindi, a seconda del tipo di cancro e del tipo di trattamento, si può fare un’inversione. In particolare, la dieta può anche influenzare il microbioma, che potrebbe svolgere un ruolo nel successo di nuovi trattamenti come l’immunoterapia. Per alcuni pazienti, utilizziamo l’assistenza nutrizionale per coprire i bisogni nutrizionali quando l’assunzione è insufficiente. Inizialmente, raccomandiamo integratori orali del tipo “bevanda o crema”. In alcuni casi, i pazienti traggono beneficio dalla nutrizione enterale (in tubo) o parenterale.

READ  Gordon: Affina le tue conoscenze grazie a BIG

E dopo il trattamento?

Le raccomandazioni per i pazienti post-cancro sono le stesse di quelle per la prevenzione con particolare attenzione all’aumento di peso. L’ambiente socio-familiare è importante per la qualità della vita e per i rifiuti… La partecipazione al programma di formazione è un ulteriore vantaggio, anche per i pazienti con disagio sociale ed economico.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.