Il ministro italiano per gli Affari europei chiede un periodo di riflessione – EURACTIV.com

Il ministro italiano per gli Affari europei chiede un periodo di riflessione – EURACTIV.com

Prima di intraprendere l’allargamento dell’UE, è necessario considerare le priorità degli Stati membri e la capacità finanziaria dell’unione. Lo ha affermato martedì (22 agosto) il ministro italiano per gli Affari europei, Rafael Vito, nel corso di una cerimonia.

Vito, Ministro del Governo Giorgia Meloni, ha invitato ad un momento di riflessione durante l’incontro di Rimini, evento organizzato dall’autorevole movimento laico cattolico “Comunione e Liberazione”.

UN “nuovo modello” Secondo Veto, l’Unione Europea è necessaria prima dell’adesione dei nuovi stati membri. Questo modello dovrebbe risolvere questioni importanti come la difesa, la politica estera, i flussi migratori e la politica industriale. Le differenze tra gli Stati membri dell’UE verranno eliminate stabilendo priorità che dovranno essere affrontate con sinergia e specificità “missioni principali”Ha aggiunto.

«Sappiamo che non c’è spazio per le persone che scelgono di incontrarsi in un luogo, in una macchina, in caso di contraire, che siamo reflexion more generale sans avoir la capacité, les moyens ni lesstructure pour pouvoir la mener à Hasan”Ha confermato il signor Vito.

Al momento, ci sono otto candidati ufficiali all’adesione all’UE che stanno adeguando la propria legislazione nazionale ai requisiti di adesione all’UE: Albania, Bosnia ed Erzegovina, Macedonia del Nord, Moldavia, Montenegro, Serbia, Turchia e Serbia. Ucraina. Il Kosovo ha presentato domanda di adesione nel dicembre 2022, così come la Georgia poco dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina.

L’adesione all’Unione Europea è una procedura spesso lunga e complessa, che richiede ai paesi candidati non solo di soddisfare i criteri di adesione, noti come “Norme di Copenaghen” – ma recepiscono anche la legislazione europea in tutti i settori.

READ  Dichiarazione dei ministri degli Esteri del G7 sulla Bielorussia (18.11.21)

“Ipotizzare – ora e nei prossimi anni – un’Europa di queste grandi dimensioni non significa solo muoversi rapidamente, ma anche pensare (…) Qual è la capacità finanziaria e il modello che immaginiamo per costruire questa dimensione?”ha chiesto al pubblico il signor Vito.

Poco prima del discorso di Veto, la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola, intervenuta alla stessa riunione, ha chiesto l’inizio dei negoziati per l’adesione dell’Ucraina all’Unione europea.

“Abbiamo concesso all’Ucraina lo status di ‘paese candidato’ all’adesione all’UE l’estate scorsa e spero che i negoziati inizieranno il prima possibile.” disse, ripetendole “sostegno incondizionato”Nel paese in guerra.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *