Il faggio favorisce la presenza di zecche infettate dalla malattia di Lyme

Mentre arrivano i giorni di sole, Il segno di spunta è tornato ! Dovresti diffidare degli acari della polvere in quanto possono essere portatori di loro Malattie Pericoloso sia per gli animali domestici che per gli esseri umani, incl malattia di Lyme.

Secondo un nuovo studio condotto dall’Università di Neuchâtel (Svizzera) e pubblicato sulla rivista Parassiti e vettori Anche il faggio, un albero che si trova nella maggior parte delle regioni della Francia, è un fattore nella riproduzione delle zecche.

“La produzione di semi dei faggi sembra essere associata ad un aumento, dopo due anni, della densità delle zecche infettate dai batteri della malattia di Lyme”.I ricercatori sostengono dichiarazione.

Aumento durante la propagazione del seme

La spiegazione è semplice. Se il numero di semi Faggio Durante una stagione è in aumento, quindi l’abbondanza di roditori, i principali ospiti delle zecche, aumenta anche durante l’anno successivo.

Questo ha finito per aumentare la densità delle ninfe due anni dopo. “La scoperta che è più potente durante il periodo di maggiore produzione di semi, un fenomeno chiamato” industrializzazione “È specifico. Il passaggio da una produzione di semi molto bassa al livello più alto ha quasi raddoppiato la densità delle ninfe infette. “

Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti in un periodo di quindici anni in diversi siti sul Monte Chaumont, la cima del Giura svizzero.

“Questo è il primo studio in Europa a dimostrare che la produzione di semi da alberi decidui influisce sulla densità delle ninfe infette [la bactérie] B. burgdorferi Da qui il rischio di contrarre la malattia di Lyme “.Cindy Brignard, dottoranda del Laboratorio di ecologia parassitaria ed epidemiologia dell’Università di Neuchâtel, coinvolta in questo studio, conferma.

READ  Perché puoi ancora essere cosciente sotto anestesia

Copertura predittiva

Secondo gli scienziati, i risultati di questo studio potrebbero avere un significato predittivo. Ogni anno, in Svizzera e altrove in Europa, gli esperti di sanità pubblica si chiedono se quest’anno sarà un anno negativo per le zecche. Ora abbiamo una risposta. Ci sarebbero molte zecche se i faggi producessero molti semi due anni fa.Cindy Brignard spiega.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *