Il colosso russo Gazprom consegnerà giovedì solo il 65% del gas ordinato dal gruppo italiano Eni

Il colosso russo Gazprom, che mercoledì ha ridotto del 15% le consegne di gas al gruppo italiano Eni, ha annunciato che consegnerà solo il 65% delle quantità ordinate giovedì, citando problemi tecnici, ha annunciato la società italiana.

• Leggi anche: Macron, Schulz e Draghi in visita di “sostegno” in Ucraina prima della decisione decisiva dell’Ue

• Leggi anche: [EN DIRECT] Il 113° giorno di guerra in Ucraina: ecco gli ultimi sviluppi

• Leggi anche: Il Regno Unito impone sanzioni al leader della Chiesa ortodossa russa

“A fronte di una domanda giornaliera di gas da Eni che è di circa il 44% in più rispetto a ieri, aumento dovuto al ripristino dei volumi non ricevuti e alla normale dinamica aziendale, Gazprom ha annunciato che verrà consegnato solo il 65% dei volumi richiesti” Lo ha detto Eni in una nota.

Eni ha aggiunto che le quantità di gas da consegnare saranno “un po’ superiori” rispetto a mercoledì e raggiungeranno un livello di circa 32 milioni di metri cubi al giorno.

Il gruppo italiano, secondo Gazprom, precisa che l’impossibilità di erogare i volumi di gas richiesti è dovuta a “problemi” presso la stazione di compressione di Portovaca, dove viene riempito il gasdotto Nord Stream e attraverso il quale il colosso russo “trasmette parte del volumi”. (da gas, nota) destinato a ENI”.

Per giustificare questi tagli, Gazprom sostiene di aver dovuto fermare le apparecchiature del gruppo tedesco Siemens poste sul gasdotto, ma Berlino, principale consumatore di gas russo nell’Unione Europea, denuncia una “decisione politica” e una “scusa” di Mosca, nel contesto di un’escalation Tensioni con i paesi occidentali a causa del conflitto in Ucraina.

READ  Uragano uccide due persone in Sicilia

Le esportazioni di gas russo verso l’Europa sono diminuite costantemente dall’inizio delle sanzioni contro la Russia. Gazprom ha interrotto le consegne di gas a diversi clienti europei che si sono rifiutati di pagare in rubli.

RIA Novosti ha citato il vice primo ministro russo Alexander Novak che ha affermato a metà maggio che circa la metà delle società straniere che hanno concluso un contratto di fornitura di gas con Gazprom ha aperto un conto in rubli con Gazprombank per far fronte ai propri pagamenti.

Così, il colosso energetico italiano ENI, controllato dallo Stato al 30,3%, ha aperto un conto in euro e un altro in rubli con Gazprombank per saldare i pagamenti per la fornitura di gas russo a fine maggio, assecondando così le richieste di Mosca . Il pagamento è stato effettuato in euro, secondo il gruppo.

L’Italia è fortemente dipendente dal gas russo, importando il 95% del gas che consuma, di cui circa il 40% proveniva dalla Russia nel 2021.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.