‘Il cinema era chiaro’: Isabelle Carey e Yvan Calperac presentano la nuova commedia romantica a Solliès-Ville

Ci sono storie che, come i liquori per dirla, sono a tempo parziale.

È per degustazione Che, prima di diventare un film, è stata una commedia che ha riscosso un enorme pubblico e un successo di critica nel 2019 al Théâtre de la Madeleine di Parigi.

Non potendo continuare, a causa di una crisi sanitaria, l’avventura in tournée nelle province, Bernard Campan, Isabelle Carey e il suo regista Ivan Calperac hanno voluto adattare questa commedia per il cinema.

Il regista e la sua attrice erano al Domaine de La Castille di Solliès-Ville a fine luglio per parlare di questa nuova avventura davanti a una buona bottiglia di vino (ma con moderazione ovviamente). Soddisfa.

Perché hai portato questa commedia sul grande schermo?

Isabel Carey: La nostra piccola vendetta è quella di poter presentare il film ovunque in Francia, cosa che non potevamo fare con lo spettacolo. È stata una grande delusione. Durante il gala di Molière, dove lo spettacolo ha vinto la migliore commedia, Bernard Campan e io abbiamo chiesto – abbiamo persino pregato Evan (Ridere) -, adattarsi degustazione Al cinema. Come ha già fatto con Studente e il signor Henry dove Venezia non è in Italia. Non volevamo lasciarci. Questo spiega perché l’intero cast è nel film.

Ivan Calperac: Non puoi negare nulla a Isabel (Ridere). Questa avventura è stata un enorme successo ed è stato un peccato essere confinati a Parigi. E poi, la forma del cinema mi è sembrata subito possibile. Mi ha permesso di aggiungere profondità a questa storia, nelle emozioni come nella commedia. Ciò ha permesso di proporre nuove scene assenti dallo spettacolo e di progettare un “vero film” per il cinema.

READ  Tutti i programmi TV 1-7 gennaio 2022

Quali sono i temi del film?

CI: È la storia di un amore per la seconda possibilità tra due unità. Si occupa anche di trasmissione e condivisione di valori. L’idea era quella di fare un film che accade oggi e affronta temi attuali, come la reintegrazione o la PMA.

BI: Parla dei distretti francesi, dei piccoli negozi, dei commercianti locali e del tessuto sociale. Perché siamo collegati. Senza gli altri, non si può superare il dramma personale. degustazione Mi ricorda alcuni film di Frank Capra. Commedia che ti fa venire voglia di allungare la mano, non umorismo sarcastico.

Quali sono i contributi di questa versione cinematografica?

BI: Il cinema permette di avvicinarsi ai volti e valorizzare ulteriormente l’interior design. Non correvamo il rischio di ottenere uno spettacolo teatrale perché Evan ha riscritto la sceneggiatura così spesso. Troviamo, ovviamente, le repliche che hanno colpito nel segno e la famosa scena della degustazione… anche i personaggi sono un po’ diversi. Il mio è più timido, goffo e fragile. Qualcosa che troviamo nel personaggio di Bernard Campan è la sua inclinazione per l’alcolismo. Il film mostra la contraddizione di ogni personaggio tanto quanto la contraddizione del personaggio con il vino stesso.

CI: In teatro, il verbo e la parola occupano un posto importante. Mentre sei al cinema, devi sapere come prendere una pozione e non spiegare tutto attraverso i dialoghi. Il film ha anche un lato più “realistico”, nonostante l’onestà del teatro. Volevo lodare delicatamente il vino ma non l’alcol.

Dopo questo film, qual è il tuo vino preferito?

CIRCUITO INTEGRATO: Apprezzo molto un vino di Bordeaux come un Château Haut-Brion, Crozes-Hermitage o Languedoc Pic-Saint-Loup.

READ  Allora, qual è il valore di questo film su Roberto Baggio? / Cultura calcistica / SOFOOT.com

BI: Il mio vino preferito è un vino naturale che ho scoperto a Minervois grazie ai fratelli Larrieu, ce ne sono anche in gamma 21 notti con Patty. Apprezzo il vino Domaine Jean-Baptiste Senat, in particolare La Nine. Questo è correttos (ride). In generale mi piace il vino corposo. Nelle Vendanges du Cinéma, a Pauillac, ho potuto degustare Château Maïme e Grand-Puy Ducasse. Se ci lanci contro di lui, non possiamo fermarci. Sono ancora frugale con il vino, due bicchieri e so quanto ci si sente ubriachi. Un po’ come il mio personaggio, non ho composto questo ruolo (Ridere).

Fulmine in botti

la storia

Jacques (Bernard Campan) è uno spietato divorziato che gestisce da solo una cantina sull’orlo del fallimento. Hortense (Isabelle Carré), troppo coinvolta nelle associazioni e riluttante a diventare una vecchia zitella, si iscrive al laboratorio gastronomico di Jack.

vedemmo

Il passaggio dai pannelli al grande schermo ha permesso al film di ambientarsi e non limitarsi a ripetere la sua versione teatrale. Se la storia rimane la stessa, il film ha i suoi gusti e sta usando saggiamente questo nuovo mezzo. Ciò consente di esprimere, attraverso le immagini, l’oscenità e la depravazione di ogni personaggio, nonché di sviluppare il senso dell’umorismo, che è spesso associato al consumo di alcol.

Brevemente, degustazione Ha un perfetto equilibrio tra commedia e dramma, ma è anche molto leale nella recitazione del vino. Il film affronta tutte le sue influenze, buone e cattive.

Uno dei punti di forza del film ereditato dalla sua precedente iterazione alla lavagna: l’accuratezza degli attori. Ci tengono con il fiato sospeso, dall’attacco alla fine! Sono tutte impeccabili, con Isabelle Carré e Bernard Campan in testa. Nuove prove che questo ex Inkono ha altrettanto talento per la composizione nella commedia quando interpreta ruoli più drammatici. Non devi essere un grande intenditore di Grand Cru per avere un assaggio di questo film vecchio stile.

READ  Dune parte forte al botteghino europeo

Scritto da Yvan Calperac (Francia). Con Isabelle Carey, Bernard Campan, Mounir Amamra… una commedia. 1 e 22.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.