I ricercatori hanno monitorato i movimenti del mammut per la settimana più vicina

– Yeti punteggiato / Shutterstock.com

Gli scienziati sono stati in grado di tracciare la vita di un mammut che ha vissuto più di 17.000 anni fino alla prima settimana, studiando gli isotopi trovati in diverse parti del suo canino.

Analisi accurate

al tempo di era glaciale, il mammut Era ampiamente diffuso, daEuropa settentrionale e ilAsia raggiungereNord America, attraverso il Russia. Ma quanto lontano potrebbe viaggiare un individuo nella sua vita? Nel contesto del lavoro pubblicato sulla rivista scienzee scienziati diUniversità dell’Alaska Ha risposto a questa domanda con sorprendente precisione.

Il team ha esaminato attentamente una zanna gigante lunga 1,8 metri e vecchia di circa 17.100 anni. Come un albero, queste appendici si sviluppano per tutta la sua vita, con nuovi strati di tessuto che emergono quasi quotidianamente che possono rivelare preziose informazioni sull’animale. La squadra ha diviso la difesa a metà, quindi ha raccolto dati in 400.000 punti diversi, distribuiti su tutta la sua lunghezza.

I ricercatori hanno principalmente analizzato isotopi Dott.Ossigeno Basato su stronzio, che può essere confrontato con le coordinate GPS. Queste impronte isotopiche differiscono da regione a regione poiché i minerali si trovano nelle profondità della terra e vengono sollevati in superficie dalle piante e dall’acqua, quindi assorbiti dagli organismi che li consumano.

Una vista di zanne di mammut divise a metà presso l’Alaskan Stable Isotope Facility presso l’Università dell’Alaska Fairbanks – © JR Ancheta/University of Alaska Fairbanks

In precedenza, vari studi consentivano la mappatura isotopica diAlaska Analizzando gli isotopi nei denti di centinaia di piccoli roditori, che viaggiano molto poco durante la loro breve vita e rappresentano quindi una piccola impronta. Qui il team ha confrontato le firme isotopiche della sezione delle zanne di ogni mammut con questa mappa, al fine di ottenere informazioni sui movimenti dell’animale nel corso della sua vita.

READ  Il capo di uno studio di videogiochi costretto a dimettersi dopo un tweet anti-aborto

Vero “record”

« Le zanne di mammut sono come un vero ceppo, dalla nascita alla morte ‘, è stato evidenziato Pat Druckermiller, coautore dello studio. ” Madre Natura generalmente non fornisce una storia così pratica, permanente e dettagliata della vita di un individuo.. »

Per ripercorrere la vita dell’animale, battezzato” parecchi “E i cui resti furono scoperti sul versante settentrionale di Serie ruscelli, gli scienziati hanno lavorato a ritroso (dalla sua morte), esaminando le firme isotopiche settimana dopo settimana e cercando le migliori corrispondenze sulla mappa preselezionata. È stato quindi utilizzato un modello spaziale per determinare i percorsi più probabili che il mammut potrebbe prendere, data la distanza e gli ostacoli geografici come le scogliere.

Maschio di 28 anni al momento della sua morte, come confermato da studi genetici condotti in parallelo, il mammut probabilmente trascorse i primi anni della sua vita in un acquario fiume Yukon E all’interno diAlaska, e spostarsi tra diverse regioni secondo uno schema prevedibile. Secondo il team, questo comportamento era migratorio, come gli elefanti moderni, e suggerisce che si sia evoluto all’interno di un branco.

Rappresentazione artistica di un mammut lanoso maschio adulto che si evolve in una zona montuosa dell’Artico in Alaska, 17.100 anni fa – © James Havens

« Non è chiaro se si trattasse di migrazioni stagionali, ma coprivano una vasta area Matteo dice Waller, che è anche coautore dello studio. ” È stato portato a visitare molte parti dell’Alaska durante la sua vita, il che è piuttosto impressionante se si considerano le dimensioni di quest’area. [1,718 million de km²]. »

READ  Cecil Thevenot, un ingegnere di Panazol, contribuirà alla missione di Thomas Pesquet a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

70000 km percorsi

Il team ha notato un improvviso cambiamento nei modelli degli isotopi quando l’animale aveva circa 15 anni, indicando che si muoveva leggermente in modo casuale, indicando che aveva raggiunto la maturità sessuale, lasciando il branco (un’altra somiglianza con gli elefanti moderni). Questo comportamento è continuato per dieci anni.

Durante gli ultimi anni della sua vita, il mammut trascorse la maggior parte del suo tempo in un’area più piccola vicino alla costa settentrionale diAlaska. I profili isotopici più recenti registrati alla base di difesa erano più ricchi di azoto. Poiché questa attenzione è un segno di fame nei mammiferi, il team ha concluso che era la causa più probabile di morte. In totale, l’animale aveva percorso quasi 70.000 chilometri, quasi il doppio di circa vero.

Oltre a fornire uno sguardo affascinante e incredibilmente dettagliato sulla vita di un animale antico, questi dati aggiungono profondità all’ipotesi che il riscaldamento globale e l’attività umana abbiano avuto un ruolo nell’estinzione. per la caccia.

Matt Waller, direttore della Stable Isotope Facility in Alaska e coautore dello studio – © JR Ancheta/University of Alaska Fairbanks

« Per le specie di megafauna, come il mammut, mantenere un tale grado di mobilità sta probabilmente diventando sempre più difficile con l’avvicinarsi della fine dell’era glaciale e il cambiamento dell’ambiente alle alte latitudini. ‘, è stato evidenziato Waller. « Poiché l’Artico sta attualmente subendo molti cambiamenti, studiare il passato può aiutarci a prevedere meglio il futuro delle specie attuali.. »

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *