I più antichi ammassi globulari mai osservati sono in questa immagine di James Webb

Gli astronomi hanno analizzato la prima immagine del nostro universo profondo restituita dal telescopio spaziale James Webb. Lì hanno scoperto quelli che potrebbero essere gli ammassi globulari più distanti mai osservati. Ammassi di milioni di stelle potrebbero nascondere il primo di loro nel nostro universo.

È per far luce in particolare sulle origini della complessità del nostro universo che Telescopio spaziale James Webb (JWST) è progettato. Per consentire agli astronomi di osservare le prime stelle e le prime galassie che potrebbero essersi formate quasi quindici miliardi di anni fa. E la prima immagine nelle profondità del cielo restituita dal telescopio spaziale – quell’immagine che i ricercatori hanno chiamato “Il primo campo profondo del Web” E ciò che ci è stato rivelato lo scorso luglio dallo stesso presidente Joe Biden: ha mantenuto tutte le sue promesse.

James Webb: Questa è l’immagine a infrarossi più profonda dell’universo mai scattata

Ha mostrato meticolosamente, nei minimi dettagli, un gruppo di galassie lontane. Molto semplicemente, l’immagine infrarossa più profonda e precisa dell’universo lontano mai ottenuta.

Sai ?

osservare Scintilla Galassiagli astronomi hanno sfruttato l’effetto di inversione gravitazionale dell’ammasso di galassie SMACS 0723. “Il primo campo profondo del Web”. Di conseguenza, l’ammasso svolge il ruolo di una gigantesca lente d’ingrandimento, facendo apparire la galassia ingrandita di 100 volte.

In questa foto una galassia in particolare. Situato in distanza nell’universo Nove miliardi di anni luce di distanza dalla nostra Terra. Lo chiamavano gli astronomi Scintilla Galassia. A causa degli oggetti compatti che lo circondano, brilla… come tante scintille. Queste sono le cose che ha studiato una squadra canadese. Sono giovani, ammassi stellari in formazione attiva o vecchi ammassi globulari? La domanda è stata posta.

READ  Biomutant si rivela in un video di lunga durata

Infine, scopri di più sugli ammassi globulari

Per trovare una risposta, gli astronomi hanno incrociato dati diversi. I dati dell’ormai famoso NIRCam – lo strumento a bordo del JWST che scansiona il cielo nel vicino infrarosso – e gli ingrandimenti dovuti all’effetto di lente gravitazionale generato dall’ammasso di galassie SMACS 0723 hanno permesso di mostrare gli oggetti compatti che circondano il Scintilla Galassia. Sebbene Telescopio spaziale Hubble Non era in grado di distinguerli.

Ma è uno strumento NIRISS, per Imaging nel vicino infrarosso e spettro non fessurato, Il che ha permesso di confermare la natura di queste cose. Poiché non è possibile osservare le strisce di emissione di ossigeno, come quelle osservate sugli ammassi stellari in formazione attiva, la risposta è chiara per gli astronomi. Cinque dei dodici oggetti compressi di cui hanno analizzato Scintilla Galassia Non solo molti Gruppi di palloni, ma anche tra i più antichi ammassi globulari mai osservati. Sembra anche chiaro ai ricercatori che questi gruppi orbitano attorno Galassia Scintillante – Non lo fanno solo ” passo in avanti “.

Ricordiamo che nella nostra Via Lattea sono stati identificati circa 150 ammassi globulari. Ma i ricercatori non sanno ancora esattamente quando e come potrebbero essersi formati questi densi ammassi di stelle. Tutto quello che sanno è che gli ammassi globulari possono essere molto antichi. E quelli a cui il team canadese ha fatto riferimento sulle immagini inviate dal telescopio spaziale James Webb sembrano risalire all’incirca al momento in cui il nostro universo ha iniziato a formare stelle. Questo può aiutare a determinare la loro età in modo più accurato. “Determinare l’età di un ammasso globulare è un po’ come indovinare l’età di una persona. È più facile distinguere tra i 5 e i 10 anni che negli adulti tra i 50 e i 55 anni., hanno commentato i ricercatori. Tutto ciò che sperano ora è di trovare altri sistemi simili attorno ai cinque enormi gruppi di galassie in cui si trasformerà il telescopio spaziale James Webb nell’ottobre 2022.

READ  Metaverso, o la monetizzazione definitiva delle relazioni umane

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.