I giganti americani tagliano i rapporti con Mosca

Diversi giganti dell’economia statunitense, da ExxonMobil ad Apple passando per Boeing e Ford, hanno annunciato martedì che si sarebbero allontanati dalla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

Queste decisioni hanno varie conseguenze, che vanno dal ritardare l’uscita nelle sale di un film Disney al ritiro di un progetto multimiliardario per ExxonMobil.

Ma Mosca ha causato uno shock internazionale quando ha lanciato le sue forze armate in Ucraina, il che ha portato a una serie di dure sanzioni economiche da parte dell’Occidente e al contraccolpo di molte compagnie legate alla Russia.

Così ExxonMobil è diventato l’ultimo grande gruppo petrolifero ad annunciare che si sarebbe ritirato dal paese, lasciando gradualmente il giacimento di petrolio e gas Sakhalin 1.

La società americana porta avanti questo progetto dal 1995 per conto di un consorzio che comprende filiali della società russa Rosneft, una società indiana e una società giapponese, che ne possiede il 30%.

Ma “in risposta ai recenti eventi” il gruppo ha avviato un “processo di cessazione delle attività” e si sta attivando per uscire “gradualmente”.

“Data la situazione attuale”, ha anche scelto di non investire in nuovi progetti in Russia.

ExxonMobil sta quindi seguendo l’esempio di alcuni competitor internazionali, come i gruppi britannici Shell e BP, l’italiana Eni o la norvegese Equinor, che avevano anche pianificato di rinunciare a diverse joint venture con società russe.

La francese TotalEnergies si è spostata maggiormente verso lo status quo scegliendo di non lasciare la Russia ma di non investire più soldi lì.

– ‘La sicurezza dei nostri compagni di squadra’ –

Un altro simbolo dell’economia statunitense, Apple ha annunciato martedì di aver interrotto le vendite di tutti i suoi prodotti in Russia dopo aver interrotto le esportazioni nel paese la scorsa settimana.

READ  Calcio - Italia - L'Inter batte l'Atalanta e tiene il passo con la Serie A italiana

Il produttore di iPhone, computer Mac e tablet iPad ha anche limitato alcuni servizi come la soluzione di pagamento Apple Pay e ha rimosso le app dei media statali russi RT e Sputnik dal suo app store.

Il governo ucraino ha sfidato specificamente Apple e il suo capo Tim Cook.

In un messaggio pubblicato su Twitter venerdì, il ministro del digitale ucraino Mikhailo Fedorov ha scritto: “Per favore… smettete di fornire servizi e prodotti Apple alla Federazione Russa, incluso il blocco dell’accesso all’Apple Store!”.

Da parte sua, Boeing ha annunciato che sospenderà i suoi servizi operativi alle compagnie aeree russe (ricambi, manutenzione e supporto tecnico) così come le “operazioni principali” a Mosca. La società ha anche temporaneamente chiuso i suoi uffici a Kiev.

“Mentre il conflitto continua, i nostri team sono concentrati sulla sicurezza dei nostri colleghi nella regione”, ha affermato Boeing in una lettera inviata all’AFP.

Questa decisione in particolare può rappresentare rapidamente un problema per Aeroflot, che secondo il suo sito web ha 59 aeromobili Boeing nella sua flotta.

Automotive, entertainment, tecnologia e finanza: anche le aziende di tutti i settori hanno scelto in questi giorni di ritirarsi, almeno temporaneamente, dalla Russia.

Pertanto, la General Motors ha sospeso le sue esportazioni di auto in Russia fino a nuovo avviso, mentre Ford ha deciso di sospendere la sua partecipazione a una joint venture per la produzione di autocarri nel paese.

Le società di intrattenimento Disney e Warner Media hanno sospeso l’uscita dei loro film in uscita nelle sale in Russia, tra cui Red Alert della Pixar e l’ultimo film di Batman.

Molti grandi nomi della tecnologia come Facebook, Google e Twitter hanno adottato misure per ridurre l’influenza dei media vicini al potere russo.

READ  "Voglio l'illusione di fornire un esempio importante"

Anche gli emittenti di carte di pagamento americane Visa, Mastercard e American Express hanno indicato di aver adottato misure per attuare sanzioni contro la Russia, in particolare impedendo alle banche russe di utilizzare la loro rete.

Mosca ha annunciato, martedì, che sta preparando un decreto per cercare di fermare questa emorragia, imponendo restrizioni temporanee all’uscita degli investitori stranieri dagli asset russi.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.