I 7 errori da non fare quando si cucina la pasta come un italiano!

Spaghetti, conchiglie, penne… qualunque cosa?

Non! I nostri vicini italiani non lasciano nulla al caso: per ogni ricetta del sugo, il suo tipo di pasta. Questa non è una semplice civetteria, ma un vero interesse culinario secondo la tua ricetta. Per una salsa leggera (pesto, per esempio), preferire la pasta lunga e sottile spaghetti, capellini, fedelinis o pasta a spirale. Per alcuni salse più dense o cremose (carbonara, el ragû …), spaghetti, tagliatelle, e tutta la pasta della famiglia di nastri di pasta (linguine, pappardelle…), andrà benissimo. Per un ricetta bollita con pezzi di carne, tonno o verdure, gusterete paste cave (orrecchiete, penne, rigatoni, maccheroni, conchiglie…) o ritorte (farfalle, fusilli…).

Mettere l’olio nell’acqua della pasta

Molti cuochi aggiungono un filo d’olio all’acqua di cottura della pasta per evitare che si attacchi. È inutile, perché l’acqua e l’olio non si mescolano, quest’ultimo essendo idrofobo. Il riflesso giusto per evitare di sprecare olio: cuocere la pasta in abbondante acqua e un contenitore abbastanza grande da non essere angusti e mescolata all’inizio della cottura in modo che l’amido si diluisca bene.

Non salare l’acqua di cottura

Non è questione di avere la mano troppo pesante, ma di aromatizza la tua ricetta. Per cucinare la tua pasta come un italiano, adotta la regola 1-10-100: 1 litro d’acqua, 10 g di sale grosso, 100 g di pasta. Aggiungere questo condimento al momento della bollitura, né prima né dopo, in modo che il gusto sia omogeneo. Il sale giocherebbe anche un ruolo nell’impedire che gli amidi si attacchino limitando la gelatinizzazione dell’amido.

Metti una copertura per evitare che trabocchi

Coprire la padella mentre bolle per risparmiare energia è un buon riflesso, ma togli il coperchio non appena immergi la pasta nell’acqua, altrimenti è garantito che trabocchi (preferibilmente sulla pila quando ce l’hai). voltato di spalle). La causa: l’amido della pasta si aggrega e forma una schiuma che impedisce all’acqua di evaporare. Il trucco da sapere: metti un cucchiaio di legno sulla casseruolail per evitare la formazione di schiuma troppo densa. Fai il test, è magico!

READ  Italia: chi dalla Squadra Azzurra o dai Red Devils raggiungerà le semifinali dell'Euro? (Video live e commento 21:00)

Pasta eccessiva

Tutto dipende dai tuoi gusti, ma dal punto di vista dietetico prediligete la cottura al dente. È più digeribile e più la pasta cuoce, più il suo indice glicemico sale… Come spieghiamo in questo articolo, la pasta al dente ti farà anche masticare di più che è una risorsa per innescare più velocemente la sensazione di sazietà. .

Sciacquare la pasta in acqua fredda

Cattiva idea! Togliendo l’amido eviterete che la salsa si attacchi e la vostra pasta si attaccherà.

Scartare l’acqua di cottura

E nel lavandino? Soprattutto no! Questo liquido è prezioso per fare una ricetta con salsa. Una volta scolata la pasta, mettetela in una padella dove il vostro sugo sta già sobbollindo (in Italia è in quest’ordine e mai viceversa: la pasta nel sugo non il sugo sulla pasta) e aggiungere un mestolo di acqua di cottura. È un legante perfetto grazie all’amido che contiene, garanzia di scorrevolezza. In italiano, questo tocco finale ha anche un nome: la Spadellata.

Tagliare gli spaghetti

Sacrilegio! Quando la parte sommersa si sarà ammorbidita, spingere leggermente con una spatola per farli calare nell’acqua. Un’altra soluzione: cuocerli in un forno olandese in modo che siano comodi.

Durante la degustazione, si prega di non tagliarli con un coltello… Sono avvolti intorno alla forchetta. I richiedenti la nazionalità italiana si priveranno anche dell’aiuto di un cucchiaio per arrotolarli.

Per ulteriori: “Assaggeremo l’Italia” , di François-Régis Gaudry, Alessandra Pierini e Stéphane Solier, ed. Marabout, 432p., 42€. Una “bibbia” della gastronomia italiana.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *