Haiti | Continuano le indagini sull’assassinio del presidente Jovenel Moses Moses

(Port-au-Prince) Venerdì a Port-au-Prince sono proseguite le indagini sull’assassinio del presidente haitiano Jovenel Moise, che si aggiungono al mistero sull’identità dei pastori che hanno inviato il commando armato di 28 aggressori, composto da 26 colombiani e un colombiano. Americani di origine haitiana.


Robenson GEFFRARD con Daxia ROJAS a Washington e Amelie Barron a Parigi
Agenzia di media Francia

La polizia del paese ha detto giovedì sera durante una conferenza stampa che 17 persone, tra cui 15 colombiani e due americani, sono state arrestate per il loro coinvolgimento nell’uccisione del presidente Moyes, crivellata di proiettili a casa sua nella notte tra martedì e mercoledì.

Foto: Andres Martinez Casares, archivio Reuters

Il presidente haitiano Jovenel Moise

Leon Charles, direttore generale della polizia haitiana, ha affermato che tre colombiani accusati di essere membri dei commando sono stati uccisi dalla polizia, mentre altri otto sono ancora latitanti, anche se i risultati differiscono leggermente secondo altre fonti ufficiali.

Le armi e le attrezzature presumibilmente utilizzate dagli aggressori, tra cui machete, computer portatili e passaporti colombiani, sono state recuperate dalla polizia e mostrate alla stampa, con diversi sospetti allineati contro un muro e ammanettati.

Il ministro della Difesa colombiano Diego Molano ha annunciato giovedì sera in una videocassetta inviata ai media, che si ritiene che almeno sei dei mercenari del commando siano ex soldati colombiani.

Secondo le informazioni dell’Interpol, saranno “due sottufficiali in pensione dell’esercito” e “quattro ex soldati” dell’esercito colombiano, ha affermato il generale Jorge Vargas, direttore della polizia nazionale. Due di loro sarebbero stati tra gli aggressori uccisi dalla polizia.

READ  Il complotto del rapimento del governatore del Michigan: un uomo si dichiara colpevole

Taipei ha detto venerdì che 11 sospetti sono stati detenuti nel complesso dell’ambasciata taiwanese a Port-au-Prince.

Foto di Joseph Audelin, Associated Press

Guardie di sicurezza davanti all’ambasciata taiwanese a Port-au-Prince

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, senza confermare l’arresto di cittadini statunitensi, ha affermato di aver accettato di assistere la polizia haitiana nelle sue indagini.

“Dovremmo sapere”

Paralizzata per diversi giorni, la capitale haitiana ha ripreso timidamente le sue attività venerdì mattina, più persone sono scese in strada e i trasporti pubblici hanno gradualmente ripreso i servizi, hanno detto i testimoni.

La riapertura dell’aeroporto di Port-au-Prince, su richiesta del governo giovedì, dovrebbe entrare in vigore venerdì.

Tuttavia, nel paese, tutti sono rimasti vigili, cercando di capire come potesse accadere un attacco così fatale al capo dello stato.

Questi sono stranieri che sono venuti in questo paese per commettere questo crimine. “Noi haitiani siamo terrorizzati”, ha detto ad AFP un residente della capitale. “Dobbiamo sapere chi c’è dietro tutto questo, i loro nomi e il loro background affinché la giustizia possa svolgere il suo lavoro”, ha aggiunto.

Il procuratore capo di Port-au-Prince ha annunciato giovedì che gli alti funzionari di polizia, direttamente responsabili della sicurezza del presidente haitiano, sono in particolare nella sede calda e sono stati convocati in tribunale.e Letto Claude Ford.

Non ho visto nessuna vittima della polizia tranne il presidente e sua moglie. Se eri responsabile della sicurezza del presidente, dov’eri? Cosa hai fatto per evitare questo destino del presidente? ‘, ha chiesto il commissario del governo metropolitano.

Altri hanno persino messo in dubbio il possibile coinvolgimento di questi agenti di polizia, aumentando la confusione.

READ  ISIS e talebani | La NATO intensifica la sua missione in Iraq e rinvia la decisione sull'Afghanistan

“Il presidente della Repubblica Jovenel Moise è stato assassinato dai suoi agenti di sicurezza. Non sono stati i colombiani ad ucciderlo. L’ex senatore Stephen Benoit ha detto alla radio venerdì che questi ultimi erano appaltatori dello stato haitiano”.

caos politico

Questo attacco destabilizza ulteriormente il paese più povero e insicuro delle Americhe.

Due uomini attualmente affermano di guidare il paese di 11 milioni di persone, più della metà delle quali ha meno di 20 anni.

Una delle recenti iniziative politiche di Jovenel Moise, morto a 53 anni, è stata la nomina di un altro primo ministro, Ariel Henry, lunedì. Non era entrato in carica dopo il momento dell’assassinio.

A poche ore dalla tragedia, è stato il primo ministro ad interim Claude Joseph a dichiarare lo stato d’assedio per 15 giorni, conferendo maggiori poteri all’esecutivo.

Foto Reuters

Primo ministro ad interim Claude Joseph

Se l’opposizione accusava Joseph di monopolizzare il potere, l’inviata delle Nazioni Unite ad Haiti, Helen Lyme, lo considerava l’autorità responsabile perché Ariel Henry non aveva prestato giuramento.

Già uno degli articoli della costituzione di Haiti afferma che in caso di vacanza nella carica di presidenza, “il Consiglio dei ministri, presieduto dal primo ministro, esercita il potere esecutivo fino all’elezione di un altro presidente”.

Il Paese è già sprofondato in una crisi istituzionale: Jovenel Moyes non tiene elezioni da quando è salito al potere all’inizio del 2017 e il Paese non ha un parlamento da gennaio 2020.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *