Guerra in Ucraina: l’Italia chiude i porti alle navi russe da domenica 17 aprile

L’Italia chiuderà i suoi porti alle navi russe dal 17 aprile. In base alle sanzioni dell’UE, le navi russe ancorate nei porti italiani dovranno partire dopo aver terminato la loro attività commerciale. Il divieto si applicherà anche alle navi che hanno cambiato bandiera dopo il 24 febbraio per aggirare le sanzioni.

Questo secondo un avviso inviato alle autorità portuali a livello nazionale, riporta l’Associated Press, “L’Italia vieterà a tutte le navi russe di entrare nei suoi porti da domenica, come parte delle sanzioni estese dell’UE annunciate all’inizio di questo mese..

Le navi attualmente nei porti italiani devono partire immediatamente”dopo aver completato la propria attività commerciale“, si legge nel comunicato.

Anche nei porti rumeni

Da domenica 17 aprile, anche alle navi battenti bandiera russa sarà vietato l’ingresso nei porti rumeni del Mar Nero e del Danubio. Fanno eccezione le navi umanitarie, nonché quelle che trasportano merci nei paesi dell’UE o che necessitano di assistenza.

L’ingresso nei porti rumeni è vietato” a qualsiasi nave immatricolata sotto bandiera russa, comprese le navi che hanno cambiato la loro bandiera russa con la bandiera di un altro Stato o hanno cambiato la loro registrazione russa per la registrazione in qualsiasi altro Stato, dopo il 24 febbraio 2022″ , specifica il supporto TVR.

All’inizio di aprile, l’UE ha concordato un’altra serie di sanzioni contro la Russia, che, tra le altre cose, vieta alle navi russe di entrare nei porti dell’UE.

READ  Montagne alte. [En direct] Provenendo dall'Italia, un corteo di militanti contro il confine scende dal Col de Montgenèvre in direzione di Briançon

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.