Gli Stati Uniti sono pronti a facilitare i colloqui sul confine marittimo israelo-libanese

Giovedì, un alto funzionario statunitense ha offerto l’aiuto di Washington per facilitare i negoziati tra Israele e Libano per risolvere la loro disputa sul confine marittimo.

“Questi negoziati possono produrre significativi vantaggi economici per il Libano”, ha detto il sottosegretario di Stato americano per gli affari politici David Hale in una dichiarazione alla stampa a seguito di un incontro con il presidente libanese Michel Aoun al palazzo presidenziale di Baabda, a est di Beirut.

Ciò è cruciale nel contesto della crisi economica acuta che il paese deve affrontare. Se necessario, possono essere chiamati esperti internazionali per consigliarci “.

Ricevi la nostra edizione giornaliera gratuitamente via e-mail per non perdere le migliori notizie! Registrazione gratuita!

Questa è la prima volta che un funzionario dell’amministrazione Biden pone una domanda che l’amministrazione Trump ha aperto nei suoi ultimi giorni in carica: la maggior parte degli analisti all’epoca non si aspettava che il presidente uscente sbloccasse la situazione.

Il sottosegretario di Stato americano per gli affari politici David Hale, a destra, incontra il ministro degli Esteri libanese Charbel Wehbe, a Beirut, in Libano, il 14 aprile 2021 (AP Photo / Hussein Malla)

Durante l’intervista, il presidente libanese Michel Aoun ha invitato Israele ad astenersi da tutte le attività di esplorazione di petrolio e gas nell’area offshore rivendicata da Beirut. Al termine della riunione, ha sottolineato il “diritto” del Libano di “sviluppare la sua posizione in linea con i suoi interessi e in conformità con il diritto internazionale e i principi costituzionali”. E ha chiesto che Israele si impegnasse a “non svolgere alcun lavoro di esplorazione nel campo di Karish e nelle acque circostanti”.

READ  Audiolibro in 33 lingue

Giorni fa, il ministro libanese uscente dei lavori pubblici ha dichiarato di aver firmato un decreto che aumenterebbe lo spazio che il suo paese rivendica nella controversia con Israele sui confini marittimi. Il ministro israeliano dell’Energia Yuval Steinitz ha risposto accusando il Libano di “sabotare” i negoziati tra i due paesi per risolvere la questione.

Il ministro libanese dei lavori pubblici Michel Najjar ha detto ai giornalisti di aver firmato un emendamento al decreto che estende ufficialmente le pretese del Libano di 1.430 chilometri quadrati.

Ma Al-Najjar ha detto che il suo decreto richiederà le firme del ministro della Difesa, del primo ministro e del presidente prima che abbia effetto.

Oltre a far arrabbiare Israele, questa mossa unilaterale potrebbe aver sconvolto gli Stati Uniti, poiché nessuno degli alleati ha contemplato di riconoscere l’espansione di Beirut nell’area contesa.

“Sembra che il Libano preferisca sabotare i colloqui piuttosto che cercare di raggiungere soluzioni consensuali”, ha detto Steinitz in una nota.

Ha continuato: “Sfortunatamente, questa non sarà la prima volta in 20 anni che i libanesi cambiano le loro mappe marine per scopi di propaganda”. È chiaro che Israele ostacolerà tutte le misure libanesi unilaterali. “

Il ministro dell’Energia Yuval Steinitz alla commissione della Knesset per la protezione degli interni e dell’ambiente, 22 luglio 2020 (per gentile concessione: Adina Velman, portavoce della Knesset)

Il Libano sta attraversando la peggiore crisi economica e finanziaria della storia moderna e prevede di avviare quest’anno l’esplorazione di petrolio e gas nella regione contesa. Di conseguenza, il file degli idrocarburi è particolarmente strategico per il fallimento del Libano, che fa affidamento sull’esplorazione per fermare il completo collasso economico.

READ  Here's why WhatsApp users flee to other platforms

Il Libano ha firmato il suo primo contratto di esplorazione nel 2018 con un consorzio internazionale composto dai gruppi francesi Total, Eni in Italia e Novatec in Russia.

Tecnicamente, in stato di guerra, i due paesi confinanti all’inizio di ottobre hanno avviato negoziati senza precedenti sulla regione, con un’area di 860 chilometri quadrati, secondo una mappa registrata alle Nazioni Unite nel 2011, ma Beirut ora considera sbagliato.

Questi negoziati sono stati avviati sotto l’egida delle Nazioni Unite e degli Stati Uniti per delimitare i confini marittimi tra Libano e Israele, con l’obiettivo di rimuovere gli ostacoli all’esplorazione del carburante, presso un centro delle Nazioni Unite lungo il confine tra i due paesi. . Hanno vacillato alla fine di novembre dopo tre riunioni e il processo si è interrotto.

Poi, Israele ha accusato il Libano di “cambiare” la sua posizione riguardo alla demarcazione dei propri confini marittimi, dopo che Beirut ha richiesto l’aggiunta di un’ulteriore area di 1.430 chilometri quadrati a sud, che si estende su parte del giacimento di gas del Karish. Israele ha affidato la Grecia. Energean Corporation.

I negoziati rappresentano i primi colloqui non di sicurezza tra i due paesi, che tecnicamente sono ancora in guerra e non hanno relazioni diplomatiche dopo decenni di conflitto. Risolvere la questione del confine potrebbe aprire la strada a proficui accordi di petrolio e gas per entrambe le parti.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *