Giochi olimpici di Tokyo 2020: “Più veloci, più alti, più forti

Più veloce, più alto, più forte – insiemeAtleti di tutto il mondo onorati di partecipare nuovamente ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 Pierre de Coubertin, fondatore di Il Movimento Olimpico del 1894. Immagini di sportività, assistenza reciproca e spirito combattivo si sono moltiplicate nelle ultime due settimane a Tokyo.

Il motto olimpico originalePiù veloce più alto più forte“, leggermente modificato poco prima dei Giochi Olimpici su iniziativa del Comitato Olimpico Internazionale per sottolineare l’importanza della solidarietà all’interno del movimento olimpico. Un messaggio di 5 su 5 è stato ricevuto dagli atleti e dalle donne che hanno dimostrato amicizia e fratellanza durante questi Giochi Olimpici.

La medaglia d’oro è condivisa da Barshim e Tempere

È stata sicuramente la foto più suggestiva e commovente delle Olimpiadi di Tokyo. Alla fine del titubante salto in alto, dove c’era la diagonale Moataz Issa Barshim e italiano Gianmarco Tampere Rispondendosi a vicenda e non riuscendo a scegliere tra loro, il funzionario pone loro un dilemma che resterà scolpito per sempre nella storia olimpica: “O salti per determinare il grande vincitore, o vinci entrambi la medaglia d’oro“.

La selezione avviene molto rapidamente. Una sbirciatina, un sorriso e un grande abbraccio tra i due atleti che hanno deciso di condividere la medaglia d’oro. foca e Tampere, amici per la vita, sono campioni olimpici per la gioia degli spettatori.

28° nella maratona, Mickey Gorsen è crollata, orgogliosa della sua impresa

I Giochi Olimpici riuniscono molti atleti provenienti da tutto il mondo. E che siano dilettanti o professionisti, sono tutti i benvenuti. Mickey Jorisin, NSInsegnante di matematica e fisica nel Limburgo, è uno dei dilettanti che hanno partecipato ai loro primi Giochi Olimpici. È stata anche la sua prima grande competizione internazionale a Tokyo.

Quando hai tagliato il traguardo per donne della maratona, Jurissen Non sapeva ancora dove fosse finito il calvario. Quindi il giornalista le annuncia che ha preso il ventottesimo posto … crack belga: “Non ci posso credere, ero già così felice di essere arrivato al traguardo. posso essere orgoglioso“.”Ho solo pensato di andare passo dopo passo e quindi di mio marito. Dovrebbe essere felice anche lui. L’ho chiamato ieri sera piangendo perché ero in preda al panico dopo essermi offerto di andarmene per un’ora e stava interrompendo il mio programma“, Ha aggiunto Jurissen.

READ  Michael Woods è tornato in sella in Catalogna

Quando l’importanza non è vincere ma partecipare.

Il sacrificio di Jonathan Borleigh per il Tornado belga

Un altro belga si è distinto perché era alla fine dei suoi sforzi nonostante il dolore. Durante la serie 4x400m, Jonathan Borleigh, l’ultimo tedoforo del Tornado belga, è sul punto di attaccare l’estensione di casa nella speranza di dare alla sua squadra un posto in finale.

Purtroppo, a 200 metri dalla fine, unathan si è fatto male da solo. Il suo passo perde fluidità e il belga rallenta gradualmente. Ma Joe non ha abdicato e ha deciso di sacrificare il suo corpo per il bene dei suoi compagni di squadra. Alla fine è arrivato terzo e ha fatto una quarta finale olimpica per il Tornado… e questo è tutto Ceppo di II classe al bicipite femorale.

Katrina Johnson-Thompson crolla ma zoppica fino alla fine

Katrina Johnson Thompson, il principale concorrente Nafisatu Thiam Nell’eptathlon, ha visto il suo sogno olimpico volare veloce a Tokyo. Nel quarto evento, lo sprint dei 200 metri, il britannico ha sofferto a metà della curva.

Il Campione del Mondo a Doha 2019 resta a terra per qualche istante. Possiamo vedere sul suo viso che il dolore è forte. Quindi i funzionari arrivano in pista con una sedia a rotelle per evacuare KJT ma quest’ultimo si rifiuta di aiutare e si sveglia zoppicando. Coraggiosa, l’atleta taglia il traguardo su una gamba sola e vede i suoi avversari venire uno ad uno a consolarla.

Katrina Johnson Thompson Non qualificato ma l’essenziale non c’è: il britannico ha fatto di tutto, nonostante la sofferenza, per finire la gara.

READ  Uno shock contro Belgio o Francia non fa paura all'Italia: "Il grande sogno di questa squadra è vincere il titolo"

Le lacrime di Claire Michel si congratulano con il suo avversario: “Sei un vero combattente”.

Sulla stessa falsariga degli inglesi, il meraviglioso sudore Claire Michael nel triathlon. Il belga non ha vinto, ma lacrime di gioia dopo aver tagliato il traguardo mostrano quanto siano felici gli atleti presenti a questi Giochi Olimpici di partecipare a questa grande competizione. Il suo 34esimo posto sembra una vittoria.

Claire Michael Ha sofferto tremendamente. TEra angusta durante la corsa, ha afferrato l’atleta, come Katrina Johnson Thompson, per completare il test. E ha molto di cui essere orgogliosa perché 20 atleti non finiranno mai la gara. quando Michelle Ha tagliato il traguardo, in lacrime, uno dei suoi concorrenti,norvegese rana pescatrice mugnaio La consolerà direttamente:Sei un vero combattente, questo è lo spirito olimpico, hai il 100%“.”Arrivare alle Olimpiadi è stata una lotta. Ho lottato duramente negli ultimi due anni e l’abbiamo notato tutti. Tutti intorno a lei e fanno parte di questo sport sanno cosa ha passato. Questo è lo spirito olimpico, la perseveranza nei momenti difficili‘, ha spiegato Mugnaio Negli Stati Uniti oggi.

L’abbraccio collettivo di Schoenmaker con le sue rivali

Un’altra bella immagine sono le lacrime di gioia del nuotatore sudafricano Tatiana Calzolaio. Dopo aver vinto la medaglia d’oro nei 100 metri rana, il velocista ha vinto la corsa dei 200 metri e allo stesso tempo ha battuto il vecchio record mondiale nella disciplina.

Quando lo schermo mostra i risultati, Calzolaio Non sei riuscito a raggiungere l’impresa che hai appena compiuto. Poi esplode di gioia e crolla in lacrime nello stagno. concorrenti americani re giglio e Annie Lazor (rispettivamente secondo e terzo) e Sudafrica Kaelen Corbett Vai da lei per congratularsi con lei e anche darle un grande abbraccio di gruppo.

READ  Dopo la sconfitta e il pareggio, lo Standard ha battuto il CS Bruges in un'amichevole

Abdi è stato spinto dal suo amico Naji a vincere la medaglia di bronzo

Bashir Abdi Non si è arreso, il suo amico lo ha aiutato bene Abdi NagyAndare a vincere la settima e ultima medaglia di bronzo La magia raccolta dal Belgio alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Dopo 42 chilometri di fatica,Maratona belga testa a testa con due avversari per Ottieni gli ultimi due posti sulla piattaforma. Mancano 200 metri prima di tagliare il traguardo, che è una piccola distanza infinita per i corridori. Sopravvissuto E’ il primo ad accelerare ea fare la differenza negli ultimi metri. L’olandese è garantito per finire al secondo posto per poi rivolgersi al suo amico e ex compagno di squadra Bashir Abdi Per incoraggiarlo e spingerlo verso la medaglia di bronzo.

Implementato. Felici come bambini, i due amici si congratulano e si buttano l’uno nelle braccia dell’altro nonostante siano stanchi. Dopo il suo brutale sforzo, Abdi ha lasciato la scena su una sedia a rotelle esausto. “Più veloce, più alto, più forte – insieme“.

Bollettino sportivo

Ricevi la maggior parte delle informazioni sportive ogni mattina.

Beh, non farti vedere di nuovo ×

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *