Finalmente un po’ di azione al Giro d’Italia con Almeida e Thomas

Finalmente un po’ di azione al Giro d’Italia con Almeida e Thomas

Finalmente un po’ di azione! Dopo due settimane di brividi sotto la pioggia, è apparso il sedicesimo favoritoH La tappa del Giro d’Italia, vinta martedì da Joao Almeida, in cima al Monte Bondone, davanti a Geraint Thomas, che ha trovato la maglia rosa di leader.

I portoghesi e gli inglesi sono i grandi vincitori di questo primo grande trekking di montagna – cinque salite, 5.200 metri di dislivello – permettendoci di vedere meglio il Giro a lungo offuscato dal maltempo.

Almeida, a 24 anni, ha ottenuto la migliore vittoria della sua carriera ed è salito sul podio provvisorio di seconda divisione dopo aver mostrato un temperamento offensivo che non conoscevamo.

Thomas sta mostrando un’ottima forma due giorni prima di compiere 37 anniH Anniversario e ora ha un vantaggio di 18 secondi sulla sua rivale portoghese nella classifica generale.

Salvo insuccessi o novità, i due dovranno lottare per la vittoria finale domenica a Roma con l’altro grande favorito, Primo Roglic.

Terzo di tappa assoluto, a 29 secondi da Thomas, lo sloveno ha dato segnali di debolezza martedì sulle interminabili e ripide pendenze del Monte Bondone, dove non è riuscito a seguire l’accelerazione prima di Almeida, poi di Thomas, nonostante l’aiuto del suo team . Il suo collega Sep Kos.

Ma ha limitato la fuga, tagliando il traguardo a 25 secondi dal duo, dandogli la possibilità di rimanere in agguato mentre restano in programma diverse tappe terribili.

Dietro il buco è stato fatto. Il quarto, l’italiano Damiano Caruso, segna già quasi tre minuti complessivi. E i potenziali favoriti del podio martedì non sono stati all’altezza, come il francese Thibaut Pinot, che è caduto a 9 km dal traguardo ed è arrivato a 3 minuti e 26 secondi dal vincitore.

READ  Biathlon Worlds: Pantany, Bike, Forcade ... dall'emiliano Jacqueline, il maestro dell'inseguimento

Il suo compagno di squadra del Groupama-FDJ Bruno Armirail, salito in maglia rosa, ha ceduto solo qualche ettaro prima, dopo essersi aggrappato a lungo alle code dei migliori. Alla fine, ha concesso più di quattro minuti per perdere logicamente la maglia di capitano, che ha indossato con orgoglio in due tappe.

Araldica del coraggio

“Ho passato tre giorni straordinari, forse questa maglia cambierà una piccola parte della mia carriera”, ha detto Armirail, compagno di squadra che di solito combatte nei gruppetti e che, questa volta, era ancora in prima fila. La grande battaglia è scoppiata.

E per una volta è stato Joao Almeida ad accendere la polvere, dopo tanto lavoro dei team Jumbo ed Emirati per rientrare nella fuga mattutina, guidati soprattutto dai fratelli francesi Barrett Peinter, entrambi molto in vista dall’inizio di questo Giro.

Messo in orbita dal compagno di squadra Guy Fine, il portoghese ha attaccato a sei chilometri dalla vetta, presto affiancato da Geraint Thomas, l’unico a tenere il passo, ma che ha finito per grigliare sulla linea.

“Mi sentivo bene, quindi ho corso il rischio di andarmene. È un sogno che si avvera, ci sono stato intorno per quattro anni e finalmente ci sono”, ha detto Almeida, che alla fine ha vinto, dopo quattro secondi posti, sul palco .

Pilota di classifica generale pura, il portoghese (4H del Giro nel 2020 e 6H Nel 2021) sembra che abbia deciso di imporre il suo destino. “Se avrò buone gambe, continuerò ad attaccare”, ha avvertito la maglia bianca il miglior giovane.

Ma dovrà esaminare il cadavere di Geraint Thomas, il vincitore del Tour de France 2018, che sembra invecchiare come un buon vino. “E’ stato bello vincere la tappa, ma sono contento di essere tornato in rosa”, ha detto il gallese, che attraversa questo Giro con il catarro del vecchio leone nonostante la pioggia e i colpi del destino, e che martedì ha registrato la perdita del suo nuovo collega di lusso abbandonando il francese Pavel Sivakov, in seguito all’addio di Filippo Jana e Tao Joeygan Hart.

READ  Vuelta 2021: Romain Bardet conquista il 14° posto in vetta

Vediamo nel video

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *