Elise Mertens è finalmente uscita dal tunnel di Cincinnati dicendo: “Ho avuto sentimenti migliori”.

La belga, numero 1 e 16 al mondo, ha ammesso di avere “sentimenti migliori” nel battere l’argentina Nadia Podroska 24esima e 38esima al mondo in due set 6-3 6-4. “Sono davvero felice della vittoria perché è stato ancora un sorteggio difficile. Ho dovuto trovare un po’ di ritmo. Poteva andare meglio, ma sono comunque felice del mio livello”, ha detto Elise Mertens a BELGA. Il duello è durato un’ora e 40 minuti. “Quando la prima di servizio va è sempre un vantaggio, ho fatto meno errori di me. Ha un buon diritto, ma ho costruito bene lo scambio, cercando di non commettere errori stupidi. Ho avuto sensazioni migliori”.

Nelle semifinali dello scorso anno a Cincinnati (eliminate dalla giapponese Naomi Osaka), Elise Mertens non è andata molto meglio come eliminazione diretta al primo turno alle Olimpiadi di Tokyo, poi ha raggiunto le semifinali a San Jose prima di essere rilasciata. Al primo turno anche a Montreal. La 25enne belga, che affronterà al secondo turno sia la kazaka Elena Rybakina al 19° posto, sia l’australiana Samantha Stosur (WTA 186), quarta ex giocatrice al mondo, ha aggiunto, beneficiando di un invito. “Sarà comunque una partita dura. Sono entrambi ottimi giocatori con molta esperienza e stanno giocando una partita forte”.

Oltre al suo impegno da solista, Elise Mertens gioca in doppio a Cincinnati. Il numero uno mondiale in doppio è ancora una volta legato al taiwanese Su-Wei Hsieh, 35 anni, numero due mondiale in doppio. Il duo, vincitore di Wimbledon quest’anno, è testa di serie per primo e quindi esentato dal primo turno.

A Montreal la scorsa settimana, Elise Mertens ha fatto un breve ritorno con la bielorussa Arina Sabalenka mentre la coppia vincitrice dell’Australian Open ha perso lo scorso febbraio nei quarti di finale.

READ  La Grande Spaccatura di Jerrod

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *