Elezioni regionali francesi: falliscono i partiti di Macron e Le Pen

Parigi | I francesi hanno comunque evitato le urne di domenica nel secondo turno delle elezioni regionali, che sono state segnate dal fallimento dell’estrema destra di Marine Le Pen e del partito di Emmanuel Macron, permettendo a destra e sinistra di chiedere un nuovo dinamismo alle dieci. mese presidenziale.

Quasi i due terzi (66,3% secondo una stima delle 13:00) di circa 48 milioni di elettori non hanno parlato, appena in calo rispetto al record della scorsa settimana nelle elezioni dall’inizio della Quinta Repubblica nel 1958.

Seggi elettorali chiusi alle 14:00 EST.

“Vengo a votare, ma è inutile”, ha sintetizzato a Strasburgo Hugh Hubert, 66 anni, pensionato del settore trasporti, con una maglia da calcio sulle spalle, e nessuno dei tre ragazzini si è dovuto muovere. “Vota per le elezioni presidenziali, va bene, ma per quanto riguarda il boicottaggio, non lo sappiamo. Cosa faranno i candidati? Non ne ho idea”.

Oltre a questo insegnamento sulla democrazia francese, questo secondo turno ha confermato il fallimento dei partiti di Marine Le Pen ed Emmanuel Macron e l’inizio dei partiti tradizionali stabiliti nella scena politica interna, permettendo ai baroni di destra e di sinistra di confermarlo. Rilanciata la sospensione delle elezioni presidenziali del 2022.

Sono stati rieletti anche tutti i presidenti regionali uscenti, sette per la destra apparentemente vincente e cinque per la sinistra in Francia.

L’estrema destra (Rally National, RN) di Marine Le Pen non vince l’unica regione che ha avuto una possibilità, la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, che è ancora a destra (Les Républicains, LR), sostenuta dalla sinistra, nella tradizione del “Fronte Repubblicano” che i partiti tradizionali lo hanno seguito per decenni per impedire alla RN di vincere le elezioni.

READ  La bugia afghana | Québec Magazine

“Stasera non prenderemo una regione”, ha ammesso Marine Le Pen, riferendosi a una “profonda crisi della democrazia locale”. “La folla è la chiave per le vittorie future”, ha avvertito.

La “delusione” del partito di Macron

Anche da parte della maggioranza presidenziale (Repubblica dello Yemen, Repubblica dello Yemen), la giornata è stata cupa, come previsto, nessun distretto ha vinto.

Stanislas Guerini, delegato generale del Lrem, ha ammesso che è stata “una delusione per la maggioranza presidenziale”.

Questi due partiti mancano di stabilizzazione regionale rispetto alla destra o alla sinistra moderata allineata con l’estrema sinistra e gli ecologisti.

Questi partiti “tradizionali” sono in qualche modo scomparsi dalla scena mediatica negli ultimi anni, dopo che il centrista a sorpresa Emmanuel Macron è stato eletto alla presidenza nel 2017, dopo aver rosicchiato sia gli elettori di destra che quelli di sinistra.

Molte convinzioni di destra saranno ora sconfitte dalla loro vittoria nella regione per sostenere che le schede delle elezioni presidenziali possono essere modificate mentre i sondaggisti prevedono una vittoria di Macron/Le Pen.

Tutti hanno ormai capito che le elezioni presidenziali sono ormai una partita a tre. “La partita a due sta avanzando nell’ala”, ha detto al giornale Xavier Bertrand, ex ministro di destra, vincitore della regione Hauts-de-France (Nord) e già candidato per il 2022. riverbero.

Anche il vincitore della regione Ile-de-France, Valérie Pécresse (a destra), e della regione Auvergne-Rhône-Alpes (al centro), Laurent Wauquiez (a destra), si sarebbe posizionato. La Pécresse ha avvertito che “è emersa una squadra di destra e di centro in Francia, e io farò la mia parte”.

Al contrario, la sinistra Tarkou prevale anche in molte regioni con alleanze tra socialisti ed ecologisti (EELV) e Insoumis (estrema sinistra). Ma nessuno dei funzionari eletti domenica è in linea con la concorrenza nelle elezioni presidenziali e i leader di partito non approvano una singola nomina.

READ  In India sono stati identificati più di 400.000 nuovi casi

“C’è una sinistra che sta rioccupando lo spazio”, ha stimato il segretario nazionale del PS Olivier Faure, stimando che il suo partito fosse una “forza trainante” che dovrebbe “riunire tutta la sinistra e gli ambientalisti per poter andare verso il Elezioni presidenziali.”

“L’ambiente è l’unica forza dinamica”, da parte sua, si è congratulato con il segretario nazionale dell’EELV Julian Bayo.

Tuttavia, la recrudescenza della spaccatura sinistra-destra va analizzata con cautela e nulla dice che il duello Macron/Le Pen alle presidenziali sarà in dubbio.

“I partiti tradizionali beneficiano della grande rete regionale che hanno mantenuto. Il divario sinistra-destra persiste a livello di istituzioni locali, ma non è attualmente tradotto a livello nazionale”, ha stimato Jerome St. Mary, presidente del PollingVox Poll Institute , pre-sondaggio.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *