Draghi sostiene un’Unione Europea “più integrata” con un “bilancio comune” per combattere la recessione

RFI

Uccisione di turchi in Iraq: un nuovo scontro diplomatico tra Washington e Ankara

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha criticato gli Stati Uniti lunedì (15 febbraio) per il loro sostegno ai militanti del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) che Ankara accusa di aver ucciso tredici dei suoi cittadini detenuti nel nord dell’Iraq. La reazione degli Stati Uniti ha fatto arrabbiare le autorità turche, che hanno convocato l’ambasciatore statunitense al Dipartimento di Stato. Si prevedono infatti rapporti tesi tra la Turchia e la nuova amministrazione statunitense. Recep Tayyip Erdogan e Joe Biden non si sono ancora parlati al telefono dall’inaugurazione di quest’ultimo, ma le autorità di Ankara continuano a inviare messaggi sempre più assertivi al presidente Usa. Un’altra occasione è stata la morte dei 13 prigionieri del PKK. Per quanto riguarda la Turchia, questi cittadini turchi sono stati giustiziati dal Partito dei lavoratori del Kurdistan, il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK). L’organizzazione ha ammesso di aver ucciso un gruppo di prigionieri, ma secondo quanto riferito sono morti nei ripetuti bombardamenti turchi nella zona. In un primo momento, i leader turchi hanno denunciato il “silenzio” dei loro partner occidentali, secondo la nostra corrispondente da Istanbul Ann Andalauer. Poi è arrivata una dichiarazione del Dipartimento di Stato Usa che denuncia “l’uccisione di cittadini turchi nella regione del Kurdistan dell’Iraq”, spiegando che “gli Stati Uniti condannano questo atto con la massima fermezza nel caso in cui ci siano segnalazioni di uccisioni di civili turchi. per mano del PKK “. Il sostegno degli Stati Uniti ai combattenti curdi, queste ultime parole hanno fatto uscire dai cardini il presidente Erdogan, che ha descritto l’annuncio degli Stati Uniti come uno “scherzo”, accusando Washington di stare “fianco a fianco” e persino “dietro ai terroristi” l’ambasciatore degli Stati Uniti al Foreign Ministero ad Ankara. Da diversi anni la Turchia denuncia il sostegno degli Stati Uniti ai combattenti curdi in Siria, le Unità di protezione popolare (YPG), molto vicine al PKK. Nelle ultime settimane, alti funzionari turchi hanno detto alla nuova amministrazione statunitense che nessun miglioramento significativo nelle relazioni può essere ottenuto senza una pausa in questo sostegno. Di fronte all’indignazione turca, la diplomazia statunitense si è finalmente resa conto che i “terroristi del PKK” erano, in realtà, responsabili della morte di tredici ostaggi turchi. ► Vedi anche: Turchia: 718 arresti nei circoli filo-curdi in tutto il paese

READ  Nonostante la sua 200esima vittoria in panchina in bianconero, Allegri non si vanta

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *