Dov’è il caso di un netizen che è stato processato per aver insultato razzialmente Mbappe?

Parafrasando Noël Le Graët domenica su Twitter, Kylian Mbappé ha dichiarato di essere stato vittima di razzismo durante gli ultimi Euro dopo aver sbagliato il suo tiro in porta contro la Svizzera. All’inizio di giugno un uomo è stato anche processato per insulti razziali contro l’attaccante di Parigi.

Si credeva che le tensioni si fossero allentate dopo l’episodio dei diritti d’immagine. Non è. Parlando di Kylian Mbappé in un’intervista a Giornale della domenicaNoel Le Grat ha fatto arrabbiare l’attaccante del Paris. Il boss della FFF è tornato nel momento in cui Bundy ha voluto interrompere la sua carriera internazionale, infastidito dalle critiche che gli sono arrivate dopo aver sperperato il suo tiro in porta contro la Svizzera negli ottavi di finale di Euro (3-3, 4). -5 schede).

Sei mesi di carcere

“L’ho ricevuto dopo l’Euro, ha scoperto che la federazione non lo ha difeso dopo aver sbagliato un rigore e le critiche in rete. Ci siamo visti per cinque minuti nel mio ufficio. (…) Era arrabbiato, l’ha fatto “Non voglio più giocare in Francia, cosa a cui chiaramente non ha pensato. Sai cos’è, è un vincitore, era così frustrato, come tutti noi, per essere stato squalificato… Quelle parole non sono piaciute molto a Mbappe, che ha reagito seccamente a dir poco. Twitter: “Sì, alla fine gli ho spiegato bene soprattutto che si trattava di razzismo e non di punizione. Ma lui ha ritenuto che non ci fosse razzismo. ..”

Va ricordato che un 19enne è stato processato all’inizio di giugno per un tweet razzista contro il campione del mondo datato 29 giugno 2021. Ci sono voluti sei mesi di carcere contro l’autore della lettera in questione, ma il tribunale penale di Parigi non comunicherà la sua decisione fino all’8 settembre. La piattaforma Pharos è stata allertata nei giorni successivi all’eliminazione da parte dei Blues di messaggi rivolti a più giocatori e all’apertura di un’indagine. Tra questi, questo tweet, che è stato commosso e commentato pesantemente, che ha preso di mira direttamente Mbappe.

READ  Salvini a Palermo ha provato a fermargli un barcone di migranti

Mbappé ha sporto denuncia

Ha scritto, tra le altre cose, “Questo sporco negro merita di essere fustigato cento frustate e venduto in Libia”. Mbappé ha sporto denuncia. Identificato come l’autore della lettera, Karim Sy, un giovane adulto che vive ancora con i suoi genitori nella regione parigina e ha una fedina penale pulita, ha creato un account Twitter nel giugno 2021, utilizzando i codici degli account di estrema destra. Arrestato nell’aprile 2022 e posto in custodia di polizia, ha ammesso di essere l’autore del tweet, ma ha affermato di “aver avuto un ruolo” nella creazione di questo account, conducendo discussioni private “copia-incolla” con i netizen. L’estrema destra per “non diffondere odio, ma per far interagire le persone”. Una strategia difensiva che il procuratore generale ha ritenuto “inquietante”.

Il problema del razzismo nel mondo dello sport è tornato al centro della cronaca durante Euro 2021. Come Mbappe, molti giocatori inglesi sono stati bersaglio di attacchi razzisti dopo la sconfitta finale contro l’Italia. “Faccio del mio meglio per il mio paese. Faccio del mio meglio per compiacere i francesi, per rendere tutti orgogliosi e per ricevere quel tipo di messaggio, davvero, è difficile e fa male”, ha commentato Mbappé pochi mesi dopo al microfono della CNN.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.