Dopo i bombardamenti russi vicino a Odessa, Berlino denuncia l’attacco “disumano”.

Cinque cose da sapere sulla Conferenza di Lugano sull’Ucraina

La Conferenza di Lugano è stata pianificata molto prima che la Russia decidesse di invadere il territorio ucraino e la Conferenza di Lugano era inizialmente in Ucraina per discutere le riforme nel paese, prima di essere riorientata verso la ricostruzione. Gli alleati dell’Ucraina, le istituzioni internazionali e il settore privato si incontrano lunedì e martedì in Svizzera con l’obiettivo di tracciare un progetto “Piano Marshall”. Ecco cinque cose da sapere sulla conferenza di Lugano del 4-5 luglio.

  • Dalle riforme alla ricostruzione

La Conferenza di Lugano era stata programmata molto prima della guerra per parlare di riforma e lotta alla corruzione, ma l’invasione russa, iniziata il 24 febbraio, ha reso l’incontro un forum di discussione sulla ricostruzione dell’Ucraina.

Dovrebbe dare a Kiev, che ha urgente bisogno di finanziamenti, l’opportunità di condividere il suo piano di ripresa e discutere con tutte le parti interessate sul modo migliore per affrontare le sfide future.

Lugano sarà uno dei primi, se non il primo, forum per discutere della ricostruzione dell’Ucraina, dei passi concreti e del piano.ha spiegato Artem Rybchenko, ambasciatore dell’Ucraina in Svizzera. La conferenza dovrebbe concludersi con una dichiarazione congiunta che dovrebbe definire “Priorità, metodo e principi” Da questa ripresa ucraina.

I padroni di casa svizzeri speravano di poter accogliere di persona il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ma a causa del conflitto è stato il primo ministro, Denis Shmyhal, a guidare la più grande delegazione a lasciare il Paese dall’inizio del la guerra. , che comprenderà sei ministri, parlamentari e funzionari regionali.

“Il presidente Zelensky ha partecipato alla preparazione fin dall’inizio”L’ambasciatore ha sottolineato. Sarebbe intervenuto online, come una volta.

READ  Parigi, la città francese più colpita dal basso giro d'affari commerciale

In totale, ci saranno otto capi di governo, 15 ministri, 38 paesi rappresentati, 14 organizzazioni, 350 rappresentanti del settore privato e 210 della società civile.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha confermato la sua presenza, così come i capi di governo di Lituania, Polonia e Repubblica Ceca.

Il presidente della Confederazione Svizzera, Ignacio Cassis – anche responsabile degli affari esteri – ha grandi ambizioni per la conferenza.

Aspira a delineare una strategia di ricostruzione ispirata al Piano Marshall, un’iniziativa americana che ha permesso di ricostruire l’Europa devastata dalla seconda guerra mondiale.

Ma Lugano non sarà una conferenza di donatori. “Questa è una conferenza in cui discuteremo di come vogliamo avviare questo processo”. Guarigione, ha confermato l’ambasciatore speciale incaricato della conferenza Simon Bedaux. Lo vede come una bussola.

Ricostruire il paese richiederà molti anni e costerà centinaia di miliardi di dollari. I partecipanti dovranno studiare proposte e proposte di contributo.

  • Corruzione e democrazia digitale

L’Ucraina dovrà anche far fronte a richieste di riforme di vasta portata, in particolare nell’area della lotta alla corruzione. L’ex paese sovietico è stato a lungo classificato tra i paesi più corrotti del mondo dall’organizzazione non governativa Transparency International.

In Europa solo Russia e Azerbaigian sono più basse e, viste le somme che saranno in gioco, l’argomento è importante. Il presidente del sindacato ha parlato dell’obbligo di monitorare i flussi finanziari.

Il presidente Volodymyr Zelensky presenterà la sua visione su a “recupero intelligente” Alla conferenza, compresi i piani per ricostruire l’Ucraina in una democrazia completamente digitale.

La pittoresca città di Lugano, con l’aria di una città mediterranea italiana con palme, portici e piazze, si trova sulla sponda del lago omonimo, ai piedi di uno splendido circo di montagna. Situato a due passi dal confine italiano, è uno dei tre maggiori centri finanziari della Svizzera ma anche luogo di villeggiatura e riposo. È molto popolare tra i ricchi e famosi russi, tra cui Alina Kabaeva, che ha una lunga relazione con il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin.

READ  Nouvelle Garde Bouscule les codes de la brasserie

Le autorità svizzere e regionali hanno affermato che verranno adottate misure di sicurezza rigorose: restrizioni allo spazio aereo e la presenza di centinaia di militari per aiutare a far rispettare la legge regionale. Il capo della Giunta regionale ticinese, Norman Jobe, si è detto ottimista sul successo del convegno. “È il nostro piccolo contributo alla sicurezza europea, e quindi il nostro contributo”Egli ha detto.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.