Dopo 200 anni, partì in Colombia

Le ultime tre settimane di campagna sono state così feroci – alcuni hanno detto sciatto – che i sondaggi prevedevano un risultato così vicino che il campo del Petro lo stava già definendo una frode, e ci si aspettava il peggio.

È successo il contrario. Vota senza alcun incidente. Abbiamo votato pacificamente e dal 2016 non c’è stato alcun conflitto armato.

Non c’è stata una grande partita di calcio e la festa del papà, su richiesta dei concessionari, è stata posticipata di una settimana. E più colombiani hanno votato che mai: tasso di partecipazione del 58%! Record, 1,2 milioni di voti in più rispetto al primo turno.

I giovani, le donne e i sostenitori di Gustavo Petro erano più numerosi di quelli: l’estrema destra (Alvaro Uribe, l’ex presidente potente in precedenza e il suo giovane emulatore Ivan Duque, che era molto impopolare) che hanno votato non importa chi tranne Petro. .

Il divario, 700.000 voti, che ha subito una rapida sconfitta dell’avversario Rodolfo Hernandez ha dissipato tutti i timori di una svolta violenta. Nella sua ultima settimana in cui non ha condotto una campagna (principalmente su TikTok) su un argomento, la corruzione è stata un killer per lui.

Abbiamo mostrato ai media le sue osservazioni e il suo comportamento discutibile come sindaco di Bucaramanga, e una serata su uno yacht a Miami alla fine del 2021 con i suoi figli e le sue giovani donne che spogliano quelli che gli oppositori hanno descritto come Berlusconesques (dell’ex presidente italiano Berlusconi). ).

L’ingegnere 77enne, il suo soprannome, ha accettato la posizione di senatore riservata dalla Costituzione al perdente alle elezioni presidenziali, promettendo collaborazione fintanto che il nuovo presidente attacca onestamente come aveva promesso. corruzione.

READ  Quando la polizia italiana ha trovato l'orologio Richard-Mille di Charles Leclerc

Sfida gigante

I colombiani sono unanimi in una cosa: il Paese sta andando male, molto male.

L’economia, un’epidemia mal gestita, un accordo di pace irrispettoso, troppi esiliati venezuelani e quattro anni di mandato non rinnovabile di Gustavo Petro, assomiglieranno a 12 fattori degli affari di Hercules: corruzione dilagante, spaccio di droga meschino e di alto livello, Clan Del Golfo, Oficina de Envigado (erede di Pablo Escobar), combattenti dell’ELN, disertori delle FARC, criminalità in aumento, ostilità dall’estrema destra e alcuni circoli economici… solo quattro anni.

Il discorso di vittoria di questo candidato populista, autoritario nel suo entourage, è conciliante e generoso.

Annuncia un cambiamento storico ma reale, il cambiamento della vita. Non per vendetta, o per alimentare l’odio, o per accrescere l’intolleranza, ma per il bene dell’accordo nazionale. Invita tutti gli avversari, il suo rivale, anche Alvaro Uribe, al palazzo presidenziale. no mas ghairLa folla applaudì mentre parlava.

La Colombia è a un punto di svolta importante nella sua storia.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.