Denis Villeneuve: Prendere sul serio la fantascienza

In attesa del tanto atteso rilascio, il 6 ottobre Blade Runner 2049Il regista Denis Villeneuve, che è onorato di firmare il sequel del film cult Ridley Scott, ha incontrato la stampa giovedì in un hotel della Vecchia Montreal.

Come l’agente K, il personaggio principale di Blade Runner 2049Denis Villeneuve ha una memoria piuttosto vaga. Non ricorda esattamente quando l’ha visto nel 1982 Blade Runner Di Ridley Scott. La Trois-Riviere? A Montreal? Tutto quello che Dennis Villeneuve ricorda è che aveva 14 anni e che era un fan della fantascienza: la vera fantascienza ovviamente.

“A quel tempo”, dice Denis Villeneuve in una suite in un vecchio hotel di Montreal dove rilasciava le interviste, c’erano alcuni registi che prendevano sul serio la fantascienza, ad eccezione di Stanley Kubrick con 2001, volo spaziale, Spielberg con ET Loridley Scott con Blade Runner. Ma quando compi 14 anni, vuoi guardare un film di fantascienza per adulti, non per bambini. Ridley Scott era un film per adulti con una vera visione del futuro “.

Denis Villeneuve non ricorda la città o il cinema, ma lo shock dell’estetica semi-rivoluzionaria del cinema. Blade Runner 1982. Uno shock quasi emotivo lo fece dire, prima dell’inizio delle riprese, a un giornalista americano: “Se sto facendo questo film, è il primo perché non voglio lasciare qualcun altro. idiota. »

Nel sequel, continua a pensare elencando le innumerevoli qualità del suo film cult per adolescenti.

“C’era questa ibridazione senza precedenti tra fantascienza e film nero, e poi ha prevalso un’atmosfera di tristezza. Non sto parlando di emozione, ma di blues che ha toccato l’oscurità che sono. È stata anche la prima volta che il futuro è stato presentato in relazione al suo passato. Era il 2019 eppure abbiamo visto passare auto degli anni ’80. Ridley Scott ha pensato all’estetica, all’architettura, alla sociologia, alla geopolitica e al clima. Ha definito una visione globale di quello che potrebbe essere il nostro futuro “.

READ  Coronavirus in Svizzera - I cantoni trovano un piano per porre fine alla crisi molto rapidamente

Un film più femminile

Questa visione del mondo, possiamo dire che Denis Villeneuve, l’omino di Becancour, laureato alla UQAM e vincitore della gara Europa e Asia, la riproduce in modo impressionante a modo suo attraverso i suoi splendidi ritratti di devastazione ambientale, inquinamento soffocante e enormi discariche come oceani disseminati di cadaveri post-era industriale.

Ma Denis Villeneuve non ha la stessa età o sensibilità di Ridley Scott. Quindi il suo film è più femminile di quello di Scott. “Questa è una delle cose che mi ha attratto quando ho letto la sceneggiatura. Mi è piaciuto il fatto che le donne avessero un ruolo importante in essa. Così come mi piaceva poter mostrare corpi nudi. Ha fatto ridere i miei produttori, che spesso mi prendono in giro. sulla mia cultura in Quebec, che è più vicina alla cultura europea di quanto non lo sia. Allo stesso tempo, sapevano molto bene che mostrando queste scene il film sarebbe durato 18 anni o più. Era una delle mie condizioni di partenza e loro no ha solo accettato, ma l’ha difeso con il distributore “.

Mentre ero seduto con Villeneuve sul grande divano della suite, non potevo fare a meno di pensare al nostro primo incontro sulla spiaggia a Cannes nel 1997. Villeneuve, che aveva 29 anni, venne per Cosmo, Un film diretto da sei giovani registi che, ad eccezione di Andre Turpin e Manon Briand, sono scomparsi nella nebbia. Dei sei, Villeneuve è stato il più teso. “Sono un vero fascio di nervi, ammette. È fantastico essere in una città che era solo un anno fa, stavo solo pensando di fare un bel film con i miei amici. Spero solo di non esserlo. ingannato. “

READ  Most of the supermassive black hole ever discovered distant quasar forces and highlights the early universe - RT World News

Basti dire che Denis Villeneuve ha fatto molta strada da allora e nel processo è diventato uno dei principali registi di Hollywood che sta attualmente bilanciando il suo cuore con un sequel DunaO il prossimo film di James Bond o un film su Cleopatra.

La pressione che ha dovuto affrontare per il resto Blade RunnerCon un budget di circa 200 milioni, era enorme. Lo rinuncia da solo. Dovevi essere forte.

“Onestamente, devo essere duro per affrontare sfide come questa. Penso che la ragione sia che ho la capacità di essere un po ‘autistico, isolarmi da tutto e concentrarmi sul lavoro che sto facendo”.

“Prima di dire di sì, ci sono momenti di dolore, ma una volta che dici di sì è troppo tardi, devi rispettare quel privilegio”. Non ho mai dovuto affrontare una pressione tecnica così tremenda come con Blade Runner. Allo stesso tempo, mi sono sentito familiare con il film. È arroganza dire che pensiamo di poter fare un seguito a Blade RunnerMa mi sentivo capace. Questo film era collegato ai miei film precedenti. Se non avessi quella sensazione, non farei mai un film. Inoltre, mi sono stati mostrati un sacco di film che non avevo realizzato. L’ho trovato molto buono, ma non mi sentivo in grado di raggiungerlo “.

Requisiti

Prima che iniziassero le riprese in Ungheria, Villeneuve aveva diversi requisiti. Voleva in particolare che il film avesse un ritmo tutto suo e continuasse finché lo riteneva necessario. Ha vinto la causa perché il film è andato in onda poco più di 2:40. “Lo scatto che dura più a lungo diventa più forte ai miei occhi. Dipende tutto dal film, ovviamente. Politecnico È durato solo 76 minuti e andava bene. Ma Blade Runner, La lunghezza era necessaria. Abbiamo lavorato duramente sull’editing e posso assicurarti che quello che vedi sullo schermo è un file Taglia la presa. »

READ  Martin Aubry aveva ragione a preoccuparsi per la fornitura di vaccini

Gli ho chiesto di quale scena fosse più orgoglioso. Mi ha risposto che ce ne sono diversi, alcuni dei quali non scendono. Ma ha un affetto speciale per una scena in un deserto ocra in cui l’agente K cammina tra le gigantesche sculture erotiche che ricordano Cork. “Non avrei mai pensato di poter girare una scena come questa”, dice con un grande sorriso. Sotto Duna, Mentre ne discuto con il mio produttore James Bond.

“Per quanto riguarda Cleopatra, qualche anno fa, ho letto una sceneggiatura di Eric Roth che amavo e che da allora è stata rifiutata. Questo scenario è quello che mi interessa, non nuovo”, conclude uno sceneggiatore, con cinquant’anni che si avvicinano a martedì, ha appena non sa cosa voleva, ma ora si sente in imbarazzo a scegliere.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *