degli etiopi si uniscono allo sforzo bellico

“Combatterò per il mio paese, l’Etiopia! Sono un soldato etiope!” Davanti al municipio della capitale, Addis Abeba, si sono alzati in piedi attori vestiti con le tradizionali giacche bianche, brandendo finte lance e spade.

Sul podio della bandiera etiope e dei ritratti di soldati d’élite, ovvero una ventina di rappresentanti, uomini e donne, iniziano i canti militari risalenti alle campagne contro i coloni italiani.

Queste forze hanno risposto all’appello di mobilitazione generale lanciato martedì dal primo ministro Abiy Ahmed per contribuire allo sforzo bellico, mentre l’esercito federale combatte da nove mesi i ribelli nella regione settentrionale del Tigray.

Il conflitto ha assunto una nuova dimensione nelle ultime settimane: i combattimenti si sono diffusi in nuove aree, i leader del Tigray hanno annunciato di essersi alleati con un altro gruppo ribelle, mentre la crisi umanitaria si sta aggravando.

“È tempo che tutti gli etiopi sani che hanno raggiunto la maggiore età si uniscano” alle forze filo-governative, ha affermato il leader, aggiungendo che i cittadini possono aiutare in diversi modi.

Questi attori, provenienti da quattro teatri della capitale, viaggeranno questo fine settimana attraverso il paese per intrattenere le nuove reclute in partenza per il fronte, secondo il comune di Addis Abeba.

Arega Ayalkat, 23 anni, che fa parte della forza, ha detto che la chiamata “non significa che tutti debbano combattere con le armi”.

“Il nostro ruolo è incoraggiare e motivare e anche dare coraggio a coloro che hanno paura attraverso la musica”, ha detto.: L’Etiopia ci sta chiamando. Non puoi rifiutare il suo invito.

– ‘In guardia’ –

I combattimenti sono iniziati a novembre dopo che il primo ministro Abiy Ahmed ha inviato l’esercito federale nel Tigray per rimuovere le autorità regionali dal Fronte di liberazione del popolo del Tigray. Secondo il vincitore del Premio Nobel per la pace 2019, questa operazione è avvenuta in risposta agli attacchi ai campi dell’esercito federale ordinati dal TPLF.

READ  Quali sono i paesi affamati di dati?

Ha dichiarato la sua vittoria alla fine di novembre dopo aver catturato Mikkeli, la capitale della regione. Ma i ribelli hanno creato una sorpresa riprendendo Mikkeli alla fine di giugno, e poi gran parte del Tigray.

Nonostante il cessate il fuoco unilaterale del governo, le forze del Tigray hanno continuato la loro offensiva nelle regioni limitrofe di Amhara a sud e di Afar a est.

Giovedì, il portavoce regionale di Amhara, Gezachio Muluneh, ha affermato che sono scoppiati pesanti combattimenti in almeno quattro distretti, inclusa la città strategica di Waldia.

Lo stesso giorno, i ribelli del Tigray hanno confermato di aver raggiunto un accordo con i ribelli nella regione di Oromia, la regione più popolosa del Paese che circonda Addis Abeba, aumentando la pressione sul governo.

L’International Crisis Group (ICG) ha recentemente descritto l’esercito etiope come “in caduta”, ma la portavoce del primo ministro Beilin Seyoum ha detto giovedì che l’appello alla mobilitazione “non ha nulla a che fare con le ‘capacità militari'”.

Ha confermato in conferenza stampa che “milioni” hanno risposto positivamente e in modi diversi, ma senza fornire ulteriori dettagli.

L’appello di martedì invita inoltre i cittadini a “lavorare a stretto contatto con le forze di sicurezza per essere gli occhi e le orecchie del Paese”.

La signora Beilin ha aggiunto: “Tutti sono in guardia e tutti sono pronti a respingere le minacce e le attività terroristiche portate avanti dal Fronte di liberazione del popolo del Tigray e dai suoi operatori per smantellare l’Etiopia”.

– “Un momento decisivo” –

Secondo le Nazioni Unite, la guerra ha causato migliaia di vittime, due milioni di sfollati e ha fatto precipitare nella carestia centinaia di migliaia di abitanti del Tigrino.

READ  Roberto Mancini punta alle semifinali e invita l'Italia a godersi la partita di apertura di Euro 2020

Questa situazione ha spinto la comunità internazionale a lanciare numerosi appelli per la fine dei combattimenti, un messaggio recentemente ribadito dal sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari Martin Griffiths e dall’amministratore dell’USAID Samantha. Energia.

L’inviato statunitense nel Corno d’Africa, Jeffrey Feltman, si recherà in Etiopia la prossima settimana per chiedere la fine dei combattimenti in quello che il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha descritto come “cruciale”.

Myron Wandrafrach, che ha incontrato durante lo spettacolo ad Addis Abeba venerdì, ammette che il paese sta attraversando un momento difficile, ma rimane ottimista.

“Quello che sta succedendo può essere preoccupante, ma siamo etiopi e lo affronteremo”, ha detto l’attrice. “Questo non è nuovo per noi.”

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *