De Fries esordio perfetto, Alpine zero punti

Il grande esordio di De Vries, il ritorno di Sainz e Hamilton, ma anche una dura domenica sulle Alpi e una safety car in via di estinzione, trovano le vette ei colpi di scena del Gran Premio d’Italia.

picchi

De Vries, il primo successo

Ha sostituito Alex Albon, vittima di un attacco di appendice, in pochissimo tempo. Dopo essersi affermato 12° nelle qualificazioni contro Nicolas Latifi, Nick de Vries lo ha fatto di nuovo in gara. Nella top 10 per la maggior parte della gara, l’olandese, che non ha commesso errori, ha chiuso al termine con un buon nono posto per la sua prima gara in F1. Brillante prestazione del campione del mondo di Formula E nel 2021. Non c’è dubbio che dovremmo rivederlo rapidamente in Formula 1 dopo questa prestazione.

È chiaro che Verstappen

Impossibile non citare il vincitore della gara in questa categoria. Partito settimo dopo una penalità di cinque posizioni per un cambio motore, Max Verstappen ha ottenuto il suo undicesimo successo stagionale a Monza, il quinto consecutivo quest’estate e il 31° posto della sua carriera. Il campione del mondo, con una strategia one-stop, ha svolto un enorme primo lavoro nelle sue offerte prima di impostare le mod e gestire il divario con Charles Leclerc, su una strategia a due soste. Un’altra gara quasi perfetta per la testa di serie numero 1 che sfiora il secondo titolo con 116 punti di vantaggio su Leclerc. Se Batavian vince Singapore in tre settimane e Monaco non finisce meglio dell’ottavo posto, Verstappen potrebbe essere incoronato campione del mondo all’inizio di ottobre.

READ  Berner ha guadagnato più di 1 euro su 8 sui suoi canali digitali.
Max Verstappen ha approfittato delle condizioni di gara per contrastare un potenziale ritorno di Charles Leclerc. Jennifer Lorenzini / Panorama

Ascensori Sainz e Hamilton

Il primo è partito dal 18° posto, Carlos Sainz, e l’altro è partito dal 19° posto, Lewis Hamilton. Alla fine, i due piloti hanno chiuso al quinto posto. Carlos Sainz sarebbe potuto salire sul podio senza la safety car (vedi sotto) dopo un ottimo primo stint sulla sua media per più di trenta giri. Lo spagnolo aveva un ritmo infernale alla fine della gara, che avrebbe potuto permettergli di battere il terzo classificato George Russell. Dal lato di Hamilton, la gara è iniziata più lenta perché dopo quindici giri il britannico aveva solo undici anni. Ma come Sainz, il pilota Mercedes ha spinto bene i suoi mezzi e ha superato due volte Norris e Gasly brillantemente con le sue offerte per aprire le porte ai primi cinque.

flop

Alpi, zero punti

L’Italia non riesce nelle Alpi. Il marchio francese non ha segnato un punto a Monza per la seconda volta in questa stagione dopo Imola. Vittima di problemi al motore quando era tra i primi 10, Fernando Alonso è stato costretto al ritiro a metà gara. Per Esteban Ocon, il francese ha dato una gara conservativa e ha concluso 11°, al cancello dei punti. La delusione dei Blues soprattutto quando la McLaren ha segnato sei punti grazie a Lando Norris ed è tornata a 18 unità di Alpine mentre le due squadre hanno lottato per il quarto posto tra i costruttori.

Fine della gara sotto la safety car

Parodia. La FIA ha sempre espresso la volontà di evitare a tutti i costi la fine della gara in regime di safety car affinché non si ripetano i singhiozzi accaduti al Gran Premio di Abu Dhabi 2021. Mentre Daniel Ricciardo è stato costretto al ritiro per sei giri dal traguardo è uscita la safety car promettendoci un traguardo da brivido per le corse. Perdere. Ai Marshal ci sono voluti tre giri per liberare la vettura australiana, la safety car ha superato Russell invece di Verstappen e i ritardatari hanno impiegato molto tempo per superare la safety car secondo le normative consentite. Tanti errori che hanno costretto la safety car a rimanere in pista fino alla fine. Fine ridicola di gara e cattiva pubblicità per la F1.

READ  Bigfoot PSG - Il forte allenatore Antonio Conte si vede già al PSG
La safety car è rimasta in pista fino alla fine. Antonin Vincent / Panoramica

Manca l’Aston Martin

L’Aston Martin ha disputato quattro gare di fila con i punti segnati ma a Monza non ha funzionato niente. Undicesima e dodicesima in griglia, le vetture verdi hanno avuto la possibilità di segnare ancora punti in Italia, ma Sebastian Vettel e Lance Stroll si sono ritirati. Alla fine, l’unica Aston Martin che ha brillato è stata la Safety Car, e per i motivi sbagliati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.