Dalma amico degli animali (e i maestri)


DottDal blocco, il tasso di adozione degli animali è aumentato del 7% rispetto al 2019 (secondo SPA). Da allora, la Humane Society ha registrato un aumento del 7% degli abbandoni. Uno di questi motivi è la mancanza di veterinari e gli alti costi per prendersi cura di loro. Una soluzione è apparsa un anno fa: Delma. Ho appena raccolto 15 milioni di euro da Northzone, un fondo svedese.

Un anno e mezzo fa, i compagni amici Alban de Preville e Raphael di amicizia hanno deciso di dimettersi per fondare la propria azienda. Trovano una “passione comune per gli animali” e si rendono conto dell’improvviso aumento dell’adozione di questi ultimi. Se vogliono essere curati, pensano al modo migliore per proteggerli e assicurarsi che sia il meno restrittivo possibile per i proprietari. Hanno avuto l’idea di stabilire un’assicurazione più economica di altre, accesso continuo a veterinari e servizi e “digitalizzazione completa” in modo che abbonamenti e rimborsi siano più veloci e semplici. Con 20.000 clienti, Dalma “è leader nel settore assicurativo animali”, Alban de Preville, che non intende fermarsi qui, esulta con il desiderio di raggiungere “35.000 clienti entro la fine dell’anno e 100.000 entro il 2023”. L’azienda ha 35 dipendenti. Il fatturato “fino a 6 milioni di euro”.

Incorporazione in Germania

Tra i servizi offerti: un numero vario di contratti, tenuto conto della tipologia dell’animale (gatto o cane), dell’età e di altre caratteristiche, la possibilità di rivolgersi a un veterinario h24 per una perizia medica (a breve con video). È disponibile un’app per integrare tutti questi servizi in un unico posto. Per crescere, vendendo ai migliori amici dell’uomo i prodotti di uso quotidiano (cibo, intrattenimento), con corriere espresso integrato. L’assicurazione prevede di poter prendersi cura dei “nuovi animali domestici” (conigli e criceti) il prima possibile.

READ  14 titoli del famosissimo work-in-progress di Les Arcs

Leggi ancheA Versailles, gli animali vivevano la vita di un castello

La startup francese ha sogni altrove e vuole affermarsi in altri paesi d’Europa. A ottobre offriranno i loro servizi in Germania, uno dei paesi con le tariffe assicurative animali più basse del continente. Belgio, Italia e Spagna all’orizzonte. E perché non l’America ha quasi 200 milioni di animali domestici? non adesso. “Vogliamo rimanere un’impresa locale”, conclude il co-fondatore.


You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.