Cooking with Paris su Netflix: il trucco definitivo di Paris Hilton per non piangere quando si taglia una cipolla

nostalgia di Cucina Al Fursan – Spettacolo di culto presentato da morto e Michelin Tra il 1983 e il 1997 – forse qualcosa da festeggiare: Netflix ha messo insieme un nuovo spettacolo per chef in erba intitolato Cucinare con Paris. Per quanto improbabile possa sembrare, in questa bizzarra serie, la persona che va dietro i fornelli per consigliare gli spettatori non è altro che l’ereditiera, star dei reality, donna d’affari e DJ, Paris Hilton.

L’idea gli è venuta al primo parto. Mentre si annoiava nella sua villa di Los Angeles, Paris Hilton ha filmato mentre preparava le lasagne. Il risultato: 5 milioni di visualizzazioni YouTube in pochi giorni e un contratto con Netflix. I primi sei episodi di Cucinare con Paris – Già postata in passerella – Si inizia con una scena mozzafiato, in cui la star fa la spesa al supermercato, vestita con un abito da sera rosa. Qualcosa per ricordare i momenti migliori vita semplice, il suo reality show che segna l’inizio del millennio.

In ogni episodio di Cucinare con Paris, Paris Hilton accoglie una celebrità per cucinare con lei: “Light breakfast” con Kim Kardashian, un hamburger vegano con Nikki Glaser, Menu italiano con Demi Lovato, e una notte di bistecca con Kathy e Nicky HiltonSua madre e sua sorella.

Anche con questa ricetta, Paris Hilton ha condiviso uno dei suoi migliori consigli, quindi non piangi quando tagli una cipolla (un calvario che quasi tutti coloro che hanno cucinato in vita loro hanno già sperimentato). Secondo lei basta indossare, se possibile, occhiali da sole di marca con strass, paillettes e perle. Perché una delle cose che Parigi ci insegna meglio è che non devi vestirti come Mighty per cucinare.

READ  I primi ministri di Grecia e Italia in visita ufficiale in Libia

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *