Ciclismo su strada | “Avevo bisogno di parlare da solo”, ammette Hugo Hall

Hugo Hall “ha sofferto molto” per finire 20NS Dal Trial Time ai Mondiali, domenica


Simone Darwin

Simone Darwin
Giornalismo

Hugo Hall non stava passando una bella giornata. Deve aver “parlato” con se stesso quando si è trovato “in condizioni precarie”. Nonostante tutto, ha finito 20 anniNS Alla cronometro dei Campionati del Mondo nelle Fiandre, il suo miglior risultato di sempre è stato la sua sesta partenza nella disciplina tra le élite.

“Questo è dove sono, questo è dove sono”, ha detto Hall poco dopo la fine dell’evento, vinto domenica dall’italiano Filippo Gana.

“Penso che rifletta bene la mia classifica mondiale”.

Il neo campione nazionale è stato chiaro prima dell’inizio della gara: la sua forma non era la stessa delle Olimpiadi di Tokyo, stordito da 13NS Quadrato. Neanche il profilo piatto tra Knokke-Heist e Bruges, nel nord del Belgio, era a suo favore. Con tutto ciò, ha sofferto “molto” sullo stretto lungo 43,3 km.

“Ho iniziato bene fino al primo intermedio (19.).NS 13,8 km), analizzato. Ero davvero alla velocità che mi ero prefissato [avant le départ]. Dopo ho perso un po’ il ritmo. da 20NS fino a 30NS chilometri, mi sono detto: un po’ più veloce. Ho perso la concentrazione per un po’. Ero fuori dalla mia zona di comfort. Anche se è stato sempre difficile, siamo stati in grado di sopportare la sofferenza. Avevo bisogno di parlare con me stesso, di lottare per il potere. ”

‘Ovviamente ho fatto progressi’

Hall, che tra una settimana compirà 30 anni, non ha fatto meglio di 25NS Nella beta mondiale, al suo primo tentativo a Richmond nel 2015. Tre anni prima aveva concluso 13NS Nel suo ultimo anno nella fascia di età under 23.

READ  Olimpiadi 2021: il Comitato Olimpico Internazionale ha imposto sanzioni all'Italia per la sua ingerenza politica?

Domenica ha concesso poco più di tre minuti a Ganna, che ha concluso bene battendo il favorito locale Wout van Aert di 5,37 secondi (54,355 km/h in media). Remco Evenepoel, un prodigio belga di 21 anni, ha completato il podio davanti al vincitore del Giro delle Fiandre Dane Kasper Asgreen.

Quarto, lo svizzero Stefan Kung ha mancato la medaglia di due secondi. È stato seguito dal 36enne tedesco quattro volte vincitore Tony Martin per il sesto posto, e ha annunciato il suo ritiro scendendo dalla sua moto. Lo svizzero Stefan Bisiger (7NS) e il britannico Ethan Hayter (8NS), il 23enne, aderendo Top 10. Completato il vincitore del Tour de France sloveno Tadej Bogar Top 10.

“Il risultato parla da solo, ovviamente sono migliorato”, ha detto Hall con soddisfazione. Mi sto avvicinando all’essenza di un buon corridore medio. eppure, Ganna, primi 5Ci diremo l’un l’altro il vero affare: è su un altro livello. Tre minuti a una media di 55 km/h, non come i miei 52. ​​I ragazzi stanno facendo un passo avanti, soprattutto su questo percorso, che favorisce i corridori forti e grandi. ”

E il nativo di Sainte-Perpétue aggiunge che “potrebbe beneficiare di un’attrezzatura migliore rispetto ad altri anni”. Il tubo, il casco, la muta e la postura erano tutti aspetti del suo preferito.

“Fa una differenza enorme. […] Non puoi sperare di essere competitivo se non hai i materiali giusti. ”

Holly torna a Monaco lunedì, con l’obiettivo di godersi quattro giorni a casa prima di ricongiungersi con i suoi colleghi canadesi venerdì.

Con Guillaume Boivin, Antoine Duchesne, Benjamin Perry, Pier-André Côté e Nickolas Zukowsky, si schiererà alla corsa su strada dei Mondiali due giorni dopo. In agenda la Parigi-Roubaix, riprogrammata per il 3 ottobre, che segnerà la sua ultima gara sotto i colori azzurri dell’Astana-Premier Tech. L’identità della sua nuova squadra dovrà essere comunicata a Premier Tech per allora.

READ  Quando l'architetto Gio Ponte ha ispirato Dolce & Gabbana

I Mondiali continuano lunedì nelle Fiandre con le prove a cronometro per giovani donne e uomini. Carol Ann Canwell partirà dal Quebec per l’ultima volta nella sua carriera. La casa di Amos aveva compiuto il suo sesto annoNS Nel 2018. Rafael Barisella e Frances Juno rappresenteranno il Canada nella categoria junior.

“ora di andare avanti”

Hugo Holly ha “messaggi di testo” con Antoine Duchesne dalla loro faida ai Campionati canadesi a St. George’s l’11 settembre. Holly ha criticato il suo amico per aver infranto un tacito accordo affrettandosi a condannare il suo ritorno in cima alla Secessione di circa 80 miglia. Interrogato su questo domenica, ha detto: “Mi ha dato la sua opinione, ma non cambia molto su ciò che è stato fatto”.

“Con il senno di poi, è una gara, nessun problema. Quello che ho detto, lo intendo ancora. Niente da aggiungere. Quello che è successo è successo. “Holly ha detto che avrebbe “ricordato a lungo” quello che è successo alle 8NS Rang Nord, vicino a Lac-Etchemin. Ha sottolineato, tuttavia, che questa potenziale tensione non avrà alcun impatto sulla prestazione della squadra canadese in Belgio. “È ora di cambiare. È ora di cambiare. È ora di andare avanti. Sono un professionista e non influenzerà il nostro lavoro. Ma chiaramente mi ha deluso. ”

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *