Ciao operazione oltre la Spagna | Il Marocco oggi

Rinnovo del piano dello scorso anno solo da Francia e Italia

Sembra che le autorità portuali spagnole stiano scommettendo molto su questo processo per rivitalizzare l’economia nel sud della penisola iberica nell’estate del 2021.

I porti spagnoli sono di nuovo fuori. L’operazione Marhaba si svolgerà quest’estate, ma con un dispositivo simile a quello dell’anno scorso. Secondo il Ministero degli Affari Esteri, della Cooperazione Africana e dei marocchini residenti all’estero, “il rimpatrio dei marocchini residenti all’estero via mare nell’ambito dell’operazione “Hello 2021” avverrà dagli stessi punti di transito marittimo dello scorso anno ai sensi le condizioni di salute sopra citate, sapendo che oltre al test PCR previsto in fase di imbarco, i passeggeri saranno sottoposti a un altro test a bordo per garantire la massima sicurezza sanitaria per sé e per i propri cari”.

Si ricorda che lo scorso anno le autorità marocchine hanno creato un dispositivo speciale per consentire alle famiglie di viaggiare in Marocco in buone condizioni sulla base di una tabella di marcia della Direzione della Marina mercantile (DMM) e degli armatori coinvolti nei traghetti in partenza dai porti. Sete (Francia) e Genova (Italia). Pertanto, i porti spagnoli non parteciperanno al processo di rimpatrio dei marocchini che vivono in Europa. È un duro colpo per il porto di Algeciras ma anche per le zone di transito prevalentemente spagnole nel sud del regno iberico. In effetti, sembra che le autorità portuali spagnole dipendano fortemente da questo processo per rilanciare l’economia nel sud della penisola iberica per l’estate del 2021. In questo senso, il presidente dell’Autorità portuale della baia di Algeciras (APBA), Gerardo e Landaluce , ha recentemente dichiarato che “il processo (nota Editor: Hello) ha un impatto molto grande sul business per molte persone e per molte aziende” non fa mistero della sua volontà di attuare il transito. Ma sembra che i funzionari spagnoli dovranno affrontare un altro anno vuoto per i loro porti come parte del transito MRE. La decisione annunciata dalla Farnesina poche ore fa conferma il secondo scenario su cui le autorità competenti stanno lavorando da alcune settimane. In effetti, i funzionari hanno lavorato su due scenari.

READ  Con "We Are Who", Luca Guadagnino torna nella zona adolescenziale

La prima riguarda la tradizionale operazione Marhaba, mentre la seconda riguarda la sostituzione della seconda con grandi ed eccezionali attraversamenti. In questo senso, il Ministro delegato presso il Ministro degli Affari esteri, della Cooperazione africana e degli espatriati marocchini responsabile del rischio mine, Nozha El Ouafi, ha informato il Parlamento che l’11 aprile si è tenuta una riunione del Comitato nazionale di transito per preparare tutte le misure logistiche e organizzative per il buon funzionamento dell’Operazione Marhaba se è effettivamente organizzata o procede con l’Organizzazione di una grande operazione di transito per ospitare MRE e consentire così loro di visitare le loro famiglie in Marocco.

Infine, va notato che il processo di transito è uno dei più importanti nella regione e persino nel mondo. I numeri sono utili. L’anno 2019 ha visto l’attraversamento di 2,5 milioni di passeggeri e 600.000 veicoli nel periodo dal 5 giugno al 1 settembre in entrambe le direzioni attraverso i quattro porti interessati dall’operazione, ovvero Tangeri, Tangeri, Nador e Al Hoceima. L’anno scorso, a causa dell’epidemia di coronavirus, Nasser Bourita, ministro degli Affari esteri, della cooperazione africana e dei marocchini che vivono all’estero, ha annunciato che “l’operazione Marhaba è un concetto che è in preparazione a partire da aprile e richiede un coordinamento con diversi paesi. Non è un semplice clip ma un’animazione con attività culturali e ricreative È ovvio e naturale che il processo di “Ciao” come lo conosciamo dalla sua preparazione e programmazione non abbia luogo.” Questo è stato il primo da quando l’operazione è stata lanciata più di tre decenni fa.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *