Champions League: il Parigi non è affondato? “Se non ci crediamo, non dovremmo andare.”

Due giochi in uno. Questa è l’impressione generale che i giocatori mantengono nell’andata delle semifinali di Champions League. Attraenti nel match e sanguinanti nei duelli nel primo periodo, i giocatori di Mauricio Pochettino sono gradualmente annegati dopo l’intervallo, soffocandoli con l’alta pressione dei cittadini che hanno imposto il loro ritmo alla partita. Primo tempo dunque per entrambi, ma contro il Bayern Monaco di poche settimane fa, è stata praticamente eliminata la sconfitta interna in chiave contro il Paris Saint-Germain (1-2), che avrebbe dato inizio al ritorno.

Ma come si spiega questa notevole contraddizione? Autore dell’apertura della registrazione, Marquinhos ha mostrato per primo una leggibilità degna di nota. “Siamo rimasti molto indietro nel secondo tempo. Non siamo riusciti a tirare fuori la palla. Erano più aggressivi, giocavano meglio. Sarebbe meglio giocare per 90 minuti per passarloOvviamente è stata lanciata l’ipotesi di un crollo fisico di massa, questa è la spiegazione che viene in mente ai più veloci, considerando che il PSG potrebbe aver superato la velocità nei primi 45 minuti.

Champions League

Guardiola aveva un piano: “Paris Saint-Germain? Con gli spazi, sono 10.000 volte più forti di noi”.

7 ore fa

A volte devi essere più intelligente tatticamente durante il recupero

Il coraggio del capitano del club DC è in parte coinvolto, senza dimenticare di citare un altro ingrediente fondamentale: gestire i tempi deboli. “È difficile correre dietro la palla. Non potevamo sopportarli, a volte devi essere più intelligente tatticamente durante il recupero. Prendiamo obiettivi stupidi. Sono i piccoli dettagli che fanno la differenzaHa notato che negli sport di alto livello, la testa e le gambe sono strettamente correlate, e il brasiliano lo sa bene.

“Il Neymar-Mbappe Trap ha chiuso al Paris Saint-Germain”

Alla tv italiana (Sky Italia), Alessandro Florenzi non ha detto altro. “Abbiamo perso le distanze nel secondo tempo. (…) il primo obiettivo è sfortunato, e il secondo apre il muro: i dettagli fanno la differenza in C1. Ma non siamo stati sconfitti. Hanno vinto una battaglia, non una guerra“Il terzino destro lo sa: il Paris Saint-Germain viaggia molto meglio di quanto riceve quest’anno. E Marquinhos a partecipare:”Devi avere una personalità. Se non ci credi, non dovresti andare. Devi avere la mentalità di un guerriero. Siamo così vicini, questo non è il momento dei dubbi. Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno per ribaltare la situazione. Dobbiamo credere “.

L’importanza di padroneggiare il ritmo

L’auto-persuasione, il metodo Coué o la sensazione reale che tutto sia possibile? La sensazione che i due obiettivi raggiunti si sarebbero potuti evitare dovrebbe in ogni caso rafforzare la convinzione dei parigini che il successo potrebbe essere girato dalla loro parte nell’Unione, martedì prossimo. Ma se non vogliono soffermarsi troppo sull’analisi del secondo tempo davanti ai microfoni, come il loro allenatore Mauricio Pochettino, allora questo video dovrebbe essere fatto nei prossimi giorni.

“Pochettino ha fatto Tuchel e ha appesantito il Paris Saint-Germain”

Perché Pep Guardiola, ha analizzato bene il primo periodo e ha agito di conseguenza. Ha chiesto alla sua squadra di tenere la palla più alta possibile e di raddoppiare i passaggi, senza per forza voler ferire l’avversario. E se non alla fine fisicamente, ma nella capacità di gestire il ritmo, anche il ritmo sbagliato dell’incontro che il Manchester City ha ottenuto la vittoria? Da pensare prima di tornare a combattere all’Etihad Stadium.

Champions League

Cheat Sheet: Ma quale mosca ha colpito il Paris Saint-Germain?

8 ore fa

Champions League

Mahrez, il maestro dei calci di punizione, ricorda i bei ricordi di Parigi

7 ore fa

READ  Comet e Bautista in the Living

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *