Campionati del mondo su pista: la prima medaglia di bronzo della Francia

Aspetto scuro, Sébastien Vigier si unisce all’angolo della Francia. Grande delusione. Il velocista della squadra francese (25), due volte campioni d’Europa lo scorso agosto (Speed, Keren), è appena arrivato quarto nella finale di Keren che ha visto la doppietta olandese Harry Lafrisen-Jeffrey Hoagland. Inoltre, il corridore autorizzato Essonne negli Stati Uniti Créteil è caduto subito dopo il traguardo. “E’ così…” grida. Sono bruciato dappertutto. Sarei stato terzo e avrei vinto una medaglia, non mi sarebbe importato… ma lì, so che passerò una brutta notte. Vedremo cosa possiamo fare con il dottore, ma potrebbe influire sulla mia velocità di guarigione (Descrizione del sabato). Essere quarto è una vera delusione perché mi sono sentito davvero bene. »

Oltre a Vigier, c’era il secondo francese nella finale di keirin, Melvin Landerneau. Ma è arrivato quinto. “C’era un modo per fare un lavoro migliore”, ha detto. Dopo due giorni di gare e delusione per il ritmo a squadre maschile di mercoledì (eliminazione ai quarti di finale), la squadra sprint francese è ancora a mani vuote. “Abbiamo ancora il chilometro e la velocità individuali”, spera Landerno.

La squadra di caccia femminile francese “scrive la sua storia”

Dopo una sottomissione fallita mercoledì (squalifica anche ai quarti di finale per l’inseguimento a squadre maschile), Endurance ha comunque portato la sua prima medaglia al clan francese sulla pista di Saint-Quentin-en-Yvelines. Se Donovan Grundin, lo sprinter professionista di Arkéa-Samsic, si piazza quinto nell’evento zero, poco dopo, la squadra d’inseguimento francese conquista il bronzo. Il quartetto di Marion Porras, Clara Cobone, Valentin Fortin e Victoire Berto ha dominato l’Australia nella minifinale. Questa è la prima volta che una squadra femminile francese sale sul podio ai Mondiali.

READ  Snowboard | Audrey McManiman: "Sembra davvero bello qualificarsi per i Giochi"

“Stiamo scrivendo la storia, la nostra storia, che è riconosciuta da Marion Porras che si svilupperà nel 2023 nel team Saint-Michel Uber nell’Ile-de-France 93. Da Tokyo, abbiamo questo podio in fondo alla nostra mente. Ma abbiamo fatto i passi uno per uno. Stephen Henry il nostro allenatore Fa di tutto per non incendiarci. Ma a due anni dalle Olimpiadi è bello fare un risultato così, soprattutto in casa davanti ai nostri tifosi. famiglia e amici. Abbiamo lavorato duramente per questo”.

Un altro sorriso per la seconda giornata è il sorriso smagliante di Mathilde Gross, qualificata per le semifinali sprint di venerdì. Sorride: “Il primo obiettivo è stato raggiunto”. Ha apprezzato l’atmosfera nel velodromo. “Non lo sapevo prima, conosci il corridore. Greg (Boogie) che ha giocato i Mondiali qui nel 2015. Ma devi viverlo per provare davvero tutte quelle emozioni”, ci ha avvertito Greg (Boogie) dopo il mio quarto turno -vittoria finale su Sophie Capwell (GB). Fantastico), mi è venuta la pelle d’oca. Sono così felice di aver potuto condividere questi momenti con il pubblico.

Una delle stelle di questi mondi, l’italiano Filippo Gana (Inios Grenadiers), che sabato ha battuto il leggendario record dell’ora (56,792 km/h) sabato sulla pista di Granges (Svizzera), ha mostrato la sua forza. Ho anche acceso un velodromo. Ma dovette accontentarsi della medaglia d’argento con l’Italia, sconfitta dalla Gran Bretagna nella finale dell’inseguimento a squadre.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.