Aumento dei casi di dengue in Francia: come spieghiamo questo aumento?

Aumento dei casi di dengue in Francia: come spieghiamo questo aumento?

Vedi le mie notizie

Numeri poco rassicuranti in vista dei Giochi Olimpici. Dal 1° gennaio 2024, nella Francia metropolitana sono stati registrati 2.166 casi di dengue importati. Per fare un confronto, il numero di casi importati negli ultimi cinque anni ha raggiunto 128 casi 1 gennaio e 30 aprile.

L’anno 2024 si calcola così 16 volte più casi rispetto agli anni precedenti nello stesso periodo. Solo nel periodo compreso tra il 1° maggio e l’11 giugno, In Francia sono stati identificati 500 casi di dengue importati. Sono cifre elevate, anche se la stagione della zanzara tigre è appena iniziata e i milioni di visitatori attesi per i Giochi Olimpici non sono ancora arrivati…

Pericolo? Un gran numero di casi importati potrebbe portare a una catena di trasmissione nella Francia continentale, dove la zanzara tigre è diffusa. Ricordiamo che questa malattia virale è spesso benigna, ma la sua forma grave può essere grave e portare alla morte.

aumento nell’Unione Europea

I numeri sono in aumento anche nell’Unione Europea, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Nel 2023, Sono stati segnalati 130 casi di dengue tra le popolazioni indigene, rispetto ai soli 71 casi nel 2022.. Un aumento significativo rispetto ai 73 casi di dengue scoperti nell’Unione Europea nel periodo 2010-2021!

E per il 2024? Il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie rileva in una dichiarazione: “Durante i primi mesi del 2024, diversi paesi hanno segnalato un aumento significativo nel numero di casi di dengue importati, il che potrebbe indicare che i numeri nel 2024 potrebbero aumentare”.

READ  Il primo caso di malattia da virus di Marburg "altamente contagiosa" è stato rilevato in questo paese dell'Africa occidentale
Video: attualmente su Actu

La continua diffusione della zanzara tigre

Nel frattempo, la zanzara tigre continua a diffondersi nell’Unione Europea. È ben radicato in quasi tutte le amministrazioni francesi ed è presente anche in una dozzina di altri paesi dell’UE. Un’altra specie, Aedes a Egypti, che è anche un vettore di dengue, chikungunya e Zika ma anche della febbre gialla, si trova solo a Cipro ma preoccupa le autorità sanitarie europee.

Gli abitanti di questi insetti dovrebbero Continua a crescere. “Si prevede che il cambiamento climatico avrà un impatto significativo sulla diffusione delle malattie trasmesse dalle zanzare in Europa, ad esempio creando condizioni ambientali favorevoli alla riproduzione e alla crescita delle popolazioni di zanzare”, avverte il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Ciò sottolinea l’importanza di sviluppare strumenti efficaci per gestire le popolazioni di zanzare rispettando l’ambiente. E ricordate anche le misure individuali contro le zanzare al vostro livello: eliminare sistematicamente l’acqua stagnante nel vostro giardino, balcone o terrazza.

Con destinazione Santi

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *