Ansia e apatia, i primi segni di malattia?

primario

  • Alti livelli di beta-amiloide e tau, segni del morbo di Alzheimer, sono associati a sintomi di ansia e apatia
  • Questi sintomi possono svilupparsi parallelamente al declino cognitivo e non saranno il risultato

E se la perdita di memoria non fosse il primo segno del morbo di Alzheimer? Studio di scienziati svedesi e pubblicato su Biological Psychiatry Dimostra che la presenza di amiloide-beta e proteine ​​tau, i principali segni della malattia, sono associate ad un aumento dell’ansia e dell’apatia del paziente. Una scoperta che già sconvolge il fatto che l’amnesia sia vista come il principale precursore dell’Alzheimer.

Questa nuova luce spiega perché la maggior parte delle persone con questa malattia soffre di disturbi mentali e neurologici. Fino ad allora, gli scienziati si erano interrogati su questi disturbi: sono un effetto diretto della malattia o derivano da reazioni psicologiche dovute a un deficit cognitivo?

L’ansia e l’apatia sono associate a livelli più elevati di amiloide-beta e proteine ​​tau

La risposta è stata trovata dai ricercatori dell’Università di Lund in Svezia che hanno testato il liquido cerebrospinale nel plasma sanguigno di 356 persone anziane senza deterioramento cognitivo per misurare i livelli di beta-amiloide e proteina tau. E nelle persone con i livelli più alti di queste proteine, hanno anche notato livelli più elevati di ansia e apatia. Ciò li ha portati alla seguente conclusione: poiché le persone senza disturbi cognitivi ma con ansia e apatia ospitavano i due segni – amiloide-beta e tau – dell’Alzheimer, questi sintomi neuropsichiatrici si sono sviluppati in modo indipendente. Il morbo di Alzheimer non è dovuto al deterioramento cognitivo. Sebbene lo studio dimostri che esiste una relazione tra questi sintomi dovuti al morbo di Alzheimer”Colpisce vaste aree del cervello“.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che il vaiolo delle scimmie: non esistono paesi endemici e non endemici

Il deterioramento cognitivo e i disturbi neuropsichiatrici possono rafforzarsi a vicenda

I nostri risultati rafforzano l’idea che i deficit cognitivi e i sintomi neuropsichiatrici possono svilupparsi in modo indipendente, ma in parallelo tra loro, che esiste una comune malattia neurologica sottostante e che in una certa misura possono rafforzarsi a vicenda.‘, identifica il professor Oscar Hanson, uno degli autori di questo lavoro. Ma questo collegamento non impedisce a John Crystal, caporedattore di Biological Psychiatry, di dichiarare questo studio:” Pensavamo all’Alzheimer in termini di scarsa memoria, ma questo lavoro mostra che i primi segni della patologia associata all’amiloide-beta possono essere sbalzi d’umore e l’emergere di comportamenti come l’apatia o l’ansia.“.

https://www.pourquoidocteur.fr/MaladiesPkoidoc/714-Maladie-d-Alzheimer-des-cellules-nerveuses-meurent-et-la-memoire-s-eface

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.