Amstel Gold Race | Olivia Barrell segna il miglior risultato della sua squadra finendo 22

Le gare si susseguono e si somigliano a Olivia Barrell. Domenica, il Quebec ha continuato il suo buon inizio di stagione con un 22E Organizzato nella gara d’oro Amstel, nei Paesi Bassi. Con il miglior risultato del suo team, Valcar-Travel & Service, la ciclista dice che vuole di più.

Inserito ieri alle 16:02.

[email protected]
Sportcom

La gara si è svolta ad alta velocità su una pista pianeggiante di 129 chilometri. Le varie formazioni partecipanti hanno lottato duramente per cavalcare davanti, al fine di prepararsi per una fine esplosiva dell’evento.

Dopo aver visto diversi concorrenti lanciare attacchi senza successo, Marta Cavalli (FDJ Nouvelle-Aquitaine Futuroscope) ha premuto il gas, lasciando i suoi concorrenti insensibili negli ultimi due chilometri di pista.

E così l’italiana da sola è riuscita a conquistare la vittoria a Valkenburg, con quattro secondi di vantaggio sulla sua concorrente più vicina. L’olandese Demi Follering (SD Worx) ha conquistato il secondo posto, seguito dalla tedesca Liane Lippert (DSM).

Non lontano, Olivia Barrell ha tagliato il traguardo accompagnata da venti corridori che erano a 29 secondi dal vincitore.

“E’ stata una gara dura dall’inizio alla fine e non ci sono state fermate. I team sono stati molto aggressivi e un buon posizionamento è stato la chiave del successo di oggi”. [dimanche] ‘”, ha analizzato l’atleta Ruan Noranda in un’intervista a Sportcom.

L’ultima parte della gara ha avuto difficoltà anche a Barrell e ai suoi compagni di squadra, incapaci di mantenere una posizione adeguata per rispondere agli attacchi e rimanere in corsa per la vittoria.

“Purtroppo non sono sempre stato in buona forma e in finale mi è costata molte energie”, ha ammesso il 24enne. Ovviamente ci sarebbe piaciuto avere un risultato migliore in squadra, ma stiamo ancora imparando e sicuramente presto potremo recuperare. »

READ  Ohm si occupa di due Mourinho indesiderati

Anche mentre giocava sulle strade olandesi, Magdeleine Vallières-Mill (EF Education-TIBCO-SVB) ha avuto una corsa difficile, finendo la gara nel 90E Posto, a oltre 10 minuti da Cavalli.

“Ci sono giorni in cui non siamo al meglio e questo è stato uno di quei giorni! All’inizio ho cercato di rompere, ma ho bruciato molte cartucce. Poi, ho cercato di allontanare le ragazze dalla mia squadra e mi sono ritrovato nel dietro al gruppo, perché non avevo le gambe per tornare indietro”, ha commentato un residente di Sherbrooke di 20 anni.

Buon inizio per Zukowsky

Da parte sua, Nicholas Zukowski (Salute umana) ha partecipato domenica alla prima tappa del controverso Turkey Tour di 202 chilometri.

Il corridore di Sainte-Lucie-des-Laurentides è partito bene in questa competizione in otto tappe piazzandosi 16E Dall’inizio.

Ha concluso la giornata nel gruppo di testa, guidato dall’australiano Caleb Ewan (Loto Soudal). Quest’ultimo ha vinto la gara davanti al belga Jasper Philipsen (Alpecin-Phoenix) e al suo connazionale Caden Groves (Baiksching-Jaico).

La seconda tappa si estenderà su 156 chilometri e lunedì porterà i corridori ad Alacati.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.