Al-Manakh: mettere in discussione la responsabilità della stampa

Mentre sei francesi su dieci (60%) credono che i media parlino molto della crisi sanitaria, più della metà (53%) ritiene che “ Le domande sollevate dal cambiamento climatico “non occupare” Posto un po’ importante Nelle notizie secondo un sondaggio Tramite voceProdotto per Assises du pressisme, in collaborazione con France Télévisions, France MédiaS Lo scienziato giornale della domenica Radio Francia.

→ Leggi. I media dedicano l’1% delle loro storie al clima

Solo un terzo degli intervistati (35%) si considera Informazioni insufficienti “Ma il restante 61% di soddisfazione è relativo. Il trattamento da parte dei media del clima e dell’ambiente sembra loro molto più di questo”. causare ansia “,” disastroso ” E “ sermoni “, che – che “ Pesare “,” Verifica ” dove “ severa ».

lavorazione trasversale

Sappiamo che la casa sta bruciando, il tempo stringe. Non passiamo queste domande sotto silenzio, mettendo in discussione la nostra responsabilità giornalistica e le nostre stesse produzioni di CO2 con otto misure in atto per ridurla (simulazione ambientale, inchiostri meno inquinanti…) Alain Auger, amministratore delegato di Bayard, e presidente del Sindacato dei giornalisti (SPEM), ha sintetizzato nell’introduzione alla tavola rotonda stampa della rivista sul tema.

Alcuni membri della redazione si sono riorganizzati per affrontare il clima. È per pallonetti, o “Uno staff di 6 o 7 giornalisti di diversi servizi lavora insieme su questi temi, preparando dossier, lanciando casi speciali…”, identifica Arnaud Gonzague, vicedirettore della rivista. a casa maglieriae I temi legati all’economia, alla società e all’ambiente sono ormai intrecciati. Così, sono stati pensati i suoi tre aspetti.

cooperare

Durante le valutazioni, diversi workshop sono stati dedicati a nuovi modi di lavorare, in particolare nel campo del networking. A livello locale, Spann! Giornale investigativo Young Britton, pratica giornalismo collaborativo, in particolare invitando i cittadini a riferire sui problemi ambientali.

READ  Vertice meridionale dell'UE: una dichiarazione ambiziosa sui cambiamenti climatici per la COP 26

“È importante avere occhi esterni, ritiene Laurent Richard, fondatore del Forbidden Story Investigation Network, che lavora con giornalisti polivalenti di diverse redazioni internazionali. Il giornalismo collaborativo è una materia che deve essere insegnata nelle scuole di giornalismo, in quanto ti consente di lavorare bene insieme per comprendere meglio argomenti globalizzati. Sta ridefinendo cos’è il giornalismo”.

Metodo di indagine

« Sono necessarie più competenze per parlare di clima”., in un altro dibattito, Valerie Mason-Delmott, co-presidente del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici. Lo scienziato del clima ha risposto quando gli è stato chiesto se gli scienziati avessero ideato uno strumento di accertamento dei fatti : “Non spetta agli studiosi applicarlo, ma molti sarebbero disposti ad aderire a un quadro più flessibile”.

Partecipa alla stessa discussione su La fine del mese e la fine del mondo Laurent Berger, Segretario Generale del CFDT “Deterioramento delle condizioni di lavoro con aumento della produzione”. : “Un giornalista che spiega il rapporto dell’IPCC non dovrebbe avere due articoli da scrivere nello stesso giorno o anche un altro giornale per l’intera settimana”..

Formazione insufficiente

Anche la mancanza di competenze scientifiche per i giornalisti è stata ampiamente riconosciuta. “Nulla su questo pianeta può essere spiegato senza questo problema del cambiamento climatico. Tuttavia, c’è un vero problema con la formazione scientifica dei giornalisti, a cominciare da quelli in onda e dai capi dei media”Yves Sciama, presidente dell’Associazione dei giornalisti scientifici professionali per l’informazione (AJSPI). Durante le valutazioni, il clima di gesso Si propone di iniziare a formulare queste domande sulla base di un esercizio pedagogico di tre ore per comprendere le sfide dei rapporti IPCC.

READ  PAF de Menton: Il Consiglio di Stato controlla lo stato di salute degli edifici prefabbricati che ospitano migranti al confine franco-italiano

Altre organizzazioni come Spartnews e Reporters d’Espoirs incoraggiano la redazione a praticare un giornalismo che cerca anche soluzioni. che è “Un modo per ristabilire legami e fiducia”, in accordo con loro. Questi argomenti sono anche Leggi e condividi tre volte di più. membro del Soluzione di giornalismo di rete, Sophie Roland offre corsi di formazione per la redazione “Rispondi stampa”consiste in « Partiamo dal problema e indaghiamo a fondo le possibili soluzioni, esaminandone o meno i limiti, e le possibilità del suo ripetersi ».

Nello studio Viavoice, il 51% degli intervistati vuole affrontare in qualche modo il cambiamento climatico “Costruzione, portatrice di soluzioni.”

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *