73 casi di dengue sono stati diagnosticati a Reunion

Dal 16 al 22 agosto sono stati confermati 73 casi di dengue (rispetto agli 86 casi della settimana precedente dopo la combinazione dei dati).
Per diverse settimane, gli indicatori sono in calo. Inizia così il periodo dell’epidemia. Va notato, tuttavia, che il numero di casi confermati è ancora quasi il doppio rispetto agli anni precedenti nello stesso periodo. Le visite e i ricoveri settimanali in Pronto Soccorso, rimasti diversi mesi in più rispetto agli anni precedenti, si avvicinano ai livelli osservati nel 2019 e nel 2020.
La circolazione della dengue interessa quasi tutta l’isola. Il settore occidentale registra la metà dei casi. Il comune di St. Paul rimane il più colpito.
La prefettura, l’ARS e la sanità pubblica francese si rammaricano per l’annuncio della morte di un paziente direttamente correlato alla febbre dengue, avvenuto nelle scorse settimane.
Per arginare l’epidemia e proteggersi dalle forme gravi della malattia, i residenti e coloro che sono coinvolti nella lotta alla dengue dovrebbero continuare le misure di protezione individuale e collettiva: utilizzare repellenti per zanzare per proteggersi dalle punture di zanzara, eliminare tutto ciò che può contenere acqua ( focolai), consultare il medico se compaiono i sintomi.
Dal 1 gennaio 2021
29.618 casi confermati
29.618 casi confermati
Più di 4000 visite di emergenza
20 decessi direttamente correlati alla febbre dengue
Caso di febbre dengue il 1 settembre 2021
(Dati dell’Unità Regionale di Sanità Pubblica, ARS)
I casi confermati sono stati distribuiti nelle ultime due settimane in 17 comuni.
Il settore occidentale rappresenta ancora la metà dei casi (51%). St. Paul rimane la città con la maggior diffusione del virus (il 35% dei casi si trova nella regione occidentale)
Il sud è il 32%, il nord il 12% e l’est il 5%.
Saint-Leu, Saint-Pierre e Saint-Denis sono le città più colpite dopo Saint-Paul.
Due comuni che non segnalano un caso da 4 settimane: Salazie e Plaine des Palmistes.
Inoltre, sono stati identificati gruppi di casi (epidemie di dengue) nei seguenti quartieri:
Regione occidentale
Saint-Paul (La Plaine, L’œil de Bœuf-Les Filaos, L’Hermitage-les-Bains)
Saint-Leu (Grand Fond, Stella)
Aggiornamento su visite al pronto soccorso e ricoveri
Nel 2021 sono state registrate più di 4.000 visite al pronto soccorso associate alla dengue, quasi 3 volte di più rispetto al 2019 e 2020. Questa attività è stata la più significativa nel pronto soccorso di CHOR, in linea con la geografia della distribuzione dei casi identificati. A ovest, poi a nord ea sud CHU.
Dall’inizio dell’anno sono stati annunciati più di 1.000 ricoveri ospedalieri per la dengue. La percentuale di pazienti ricoverati in ospedale per condizioni gravi è rimasta molto più elevata rispetto agli anni precedenti (25% nel 2021 rispetto a meno del 20% in precedenza). In aumento anche la percentuale di bambini sotto i 15 anni ricoverati con dengue rispetto al 2019 e 2020 (7% nel 2021 contro 4% nel 2019 e 6% nel 2020). Due terzi dei casi sono stati trattati in ospedale presso il CHOR.
Raccomandazioni per combattere la febbre dengue
Basta una puntura di zanzara per contrarre la dengue.
Le autorità sanitarie raccomandano quanto segue:
Proteggiti dalle punture di zanzara, anche per i sette giorni successivi all’insorgenza dei sintomi per proteggere chi ti sta intorno
Continua a proteggerti, anche se in precedenza hai avuto la febbre dengue; Molti sierotipi di dengue possono essere diffusi e l’infezione con un sierotipo non protegge dall’attacco di un altro.
Elimina le aree di riproduzione (nidi di zanzare): aspira tutto ciò che può contenere acqua intorno alla tua casa, controlla le grondaie, ecc.
Consultare un medico se compaiono sintomi: febbre, mal di testa, dolori muscolari/articolari, nausea, vomito, ecc. e prelevare il campione presso un laboratorio medico prescritto dal medico per confermare la diagnosi di dengue.
Se sei malato di febbre dengue:
o Continua a proteggerti dalle punture di zanzara.
Per la prevenzione delle forme gravi di febbre dengue:
Monitora la tua salute, soprattutto tra il quarto e l’ottavo giorno di malattia
Consultare il medico o il pronto soccorso se si verificano i seguenti segni e sintomi: forte dolore addominale, vomito persistente, incapacità di mangiare/idratazione, estrema stanchezza, insonnia.
Consultare immediatamente un oftalmologo o il pronto soccorso del CHU Nord, in caso di complicanza oftalmologica (un’improvvisa e grave diminuzione della vista) che si verifica circa 8 giorni dopo l’insorgenza dei segni di febbre dengue
Vai in ospedale se le tue condizioni di salute peggiorano
Le forme gravi di dengue colpiscono tutte le età: neonati, bambini, adulti e anziani. Si verificano sia nelle persone sane che nelle persone con malattie.
I bambini di età inferiore ai due anni, i cui genitori pensano che possano avere la febbre dengue, dovrebbero preferibilmente essere assistiti in ospedale.
Poiché è probabile che la dengue danneggi il fegato, si consiglia di seguire attentamente le raccomandazioni del medico sull’assunzione di paracetamolo.
Trova tutte le notizie su Dengue in Reunion su Sito di social network Facebook Insieme contro le zanzare.

READ  Thousands are obsessed with this handcrafted craft project of turning unwanted glass jars into elegant vases

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *