5 milioni di persone muoiono ogni anno a causa delle temperature estreme e il caldo uccide più persone

Negli ultimi 20 anni, il freddo estremo ha mietuto più vittime del caldo. Ma a poco a poco, questa tendenza si è invertita a causa del cambiamento climatico.

Uno studio condotto negli ultimi vent’anni Mostra che più di 5 milioni di persone muoiono ogni anno a causa di temperature estreme, calde o fredde. Lo studio ci dice anche che il 9,4% dei decessi nel mondo è correlato all’esposizione al caldo o al freddo.

Per condurre lo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati sulla mortalità e le condizioni meteorologiche in 750 regioni in 43 paesi tra il 2000 e il 2019. Hanno scoperto che in queste regioni la temperatura media è aumentata di 0,26 gradi per decennio. Mentre i ricercatori notano che il freddo estremo uccide più del caldo, questa tendenza è invertita dal cambiamento climatico.

alto tasso di mortalità

Uno dei ricercatori dello studio, il professor Yuming Guo della Monash University, spiega che questo tasso di mortalità continuerà ad aumentare: “In futuro, si prevede che le morti legate al freddo continueranno a diminuire, ma man mano che continuano le morti legate al caldo a salire, questo significa che ci sarà un punto di crollo”, spiega.

Secondo lui, in Europa, stiamo già assistendo a un aumento complessivo del tasso di mortalità associato alle temperature estreme. Inoltre, l’Europa orientale è una delle regioni più colpite dalle ondate di calore nel mondo. D’altra parte, l’Africa subsahariana ha il più alto tasso di mortalità a causa delle basse temperature, il che è sorprendente come sembra.

Queste temperature, infatti, siano esse troppo fredde o troppo calde, provocano infarti o ictus. Tra le persone più vulnerabili, ma non solo. Secondo Adrian Barnett della Queensland University of Technology, ci sono modi per combatterlo. Ad esempio, possiamo isolare meglio le case delle persone a rischio e installare sistemi di climatizzazione solare off-grid che funzioneranno anche in caso di interruzione di corrente.

READ  FIFA 22 lancia il suo primo trailer, Mbappe fa notizia!

Impegni per il clima e la salute

Data la situazione, è diventato difficile non tenere conto della salute dei cittadini quando si valutano strategie per combattere il riscaldamento globale. Inoltre, a questo proposito, la Global Alliance for Climate and Health Organizzare i paesi È meglio includere i problemi di salute umana nei loro impegni sul clima. Troviamo l’Australia ultima in questa classifica però I tanti incendi che hanno colpito il Paese nel 2020.

Altri paesi come Nuova Zelanda, Brasile, Norvegia e Islanda hanno un punteggio di 0/15: non hanno mai menzionato la salute umana nelle loro strategie per il cambiamento climatico. Nel complesso, l’Europa ottiene un punteggio di 1/15, gli Stati Uniti salgono a 6/15 e il Regno Unito fa un po’ meglio con un 7/15. È il Costa Rica che lavora per la salute dei suoi cittadini con un buon punteggio di 13/15.

In Australia, siamo ben consapevoli del problema. Lo scorso maggio, più di 60 gruppi sanitari hanno invitato il governo a fare della salute una priorità negli obiettivi che l’Australia deve raggiungere nell’ambito dell’accordo di Parigi. Questa tendenza dovrebbe diffondersi rapidamente in molti altri paesi del mondo.

Leggi anche:

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *