34 morti, secondo un nuovo rapporto

34 morti, secondo un nuovo rapporto

La guardia costiera italiana ha annunciato venerdì di aver trovato altri quattordici corpi dopo l’affondamento di una barca di migranti al largo della costa meridionale all’inizio di questa settimana, portando il bilancio delle vittime a 34.

Sono oltre 60 le persone disperse dopo che la barca a vela è affondata al largo delle coste calabresi nella notte tra domenica e lunedì, 11 persone sono state salvate.

“Oggi sono stati recuperati quattordici corpi… in totale, sono stati recuperati trentaquattro corpi”, ha affermato la guardia costiera in una nota.

Continuano le ricerche aeree e marittime per ritrovare i dispersi.

Giovedì, la guardia costiera ha detto che erano stati ritrovati altri 12 corpi, tra cui donne e bambini.

L’organizzazione Medici Senza Frontiere (MSF) ha dichiarato all’inizio di questa settimana che i sopravvissuti avevano denunciato la scomparsa di 66 persone, tra cui almeno 26 bambini.

L’imbarcazione, partita dalla Turchia, è affondata a circa 120 miglia nautiche dalla costa calabrese. Secondo MSF le famiglie afghane sono tra le scomparse.

Dieci corpi sono stati trovati in un’altra barca di migranti affondata lunedì al largo dell’isola italiana di Lampedusa, secondo l’organizzazione umanitaria tedesca ResQship.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), lo scorso anno sono morti o dispersi nel Mediterraneo circa 3.155 migranti e dall’inizio dell’anno sono morte o scomparse più di 1.000 persone.

Il Mediterraneo centrale è la rotta migratoria più mortale al mondo e rappresenta l’80% dei decessi e dei dispersi nel Mediterraneo.

Molti migranti lasciano la Tunisia o la Libia in barca per l’Europa, dove l’Italia è spesso il loro primo punto di arrivo.

Gli arrivi sono diminuiti notevolmente dall’inizio dell’anno, con 24.100 persone sbarcate in Italia finora, rispetto a oltre 57.500 nello stesso periodo del 2023, secondo il Viminale.

READ  Giro d'Italia - Bramati: "Un percorso pensato per una gara aggressiva"

ar/ial/fjb

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *