11 cardinali perderanno il diritto di voto nel 2023

Nel 2023, 11 cardinali perderanno il diritto di partecipare a un conclave, a causa del loro 80esimo compleanno: 5 italiani, un ceco, un bengalese, un argentino, un coreano, un maliano e un peruviano. Salvo morte improvvisa, il numero dei cardinali dovrebbe essere portato a 114 membri. Ecco i cardinali che non saranno più elettori alla fine del 2023:

  • Di base Angelo BagnascoArcivescovo di Genova dal 2006 al 2020, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana per due mandati quinquennali (2007-2017)
  • Di base Domenico CalcagnoGià Presidente dell’Amministrazione per i Beni Culturali della Santa Sede (APSA) dal 2011 al 2018.
  • Di base Domenico DucaEx Provincia Domenicana della Cecoslovacchia, Arcivescovo di Praga dal 2010 al 2022.
  • cardinale italiano Crescenzio SepePresidente della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, Arcivescovo di Napoli
  • cardinale italiano Giuseppe VersaldiResponsabile della Prefettura degli Affari Economici (2011-2015) prima che questo organismo venisse assorbito dalla Segreteria dell’Economia, Governatore del Complesso Educativo Cattolico dal 2015 al 2022.
  • cardinale italiano Angelo Comastri, Arcivescovo di Loreto, Arciprete della Basilica di San Pietro dal 2006 al 2021
  • Cardinale del Bangladesh Patrick DrozarioMonaco della Congregazione della Santa Croce, Arcivescovo di Dhaka,
  • Cardinale argentino Leonardo Sandrigià governatore della Direzione delle Chiese orientali dal 2007 al 2022
  • Di base Andrew Yum Soo Jung (Corea del Sud), Arcivescovo di Seoul dal 2012 al 2021,
  • Di base Giovanni Zerbo (Mali), Arcivescovo di Bamako
  • Di base Juan Luis Cipriani Thorné (Perù), Arcivescovo di Lima
READ  L'Unione Europea discuterà lunedì di nuove sanzioni contro Mosca

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.