Washington, la città dei gatti: la prima capitale americana a contarla tutta

Un gatto a strisce salta da una roccia in una mattina di ottobre. Quando le sue zampe toccano il suolo, guarda furtivamente alla sua sinistra. La telecamera si spegne e cattura la scena.

• Leggi anche: Gatti con problemi comportamentali adottati dai proprietari di allevamenti

• Leggi anche: Allevare gatti di razza solleva critiche

• Leggi anche: Carenza di veterinari: gli animali sono lasciati a se stessi

Non si svolge nel cuore di una foresta isolata, ma nella capitale degli Stati Uniti.

La foto fa parte di “DC cat count”, un’iniziativa triennale guidata da attivisti per i diritti degli animali e scienziati per stabilire definitivamente un certo numero di razze in città. il primo.

Il risultato: la capitale degli Stati Uniti ha almeno 200.000 gatti. La metà di loro vive solo in ambienti chiusi, afferma Tyler Flockhart, il biologo responsabile della parte scientifica del progetto.

L’altra metà include gatti che qualcuno possiede ma ha accesso all’aria aperta, gatti selvatici e da 3.000 a 4.000 gatti selvatici che evitano l’interazione con gli umani.

“Non credo che si possa trovare un altro animale selvatico che mangia carne con questa intensità” in una città, ha detto Flockhart all’AFP. “È così interessante avere così tanti gatti in uno spazio così piccolo.”

Ai fini dello studio, i gruppi spesso conflittuali sono stati uniti.

Mentre alcuni ambientalisti temono che i gatti stiano decimando gli uccelli, altri attivisti per i diritti degli animali stanno lavorando per garantire che possano sopravvivere in questo ambiente urbano.

ha detto Stephanie Shane, della Humanitarian Rescue Alliance, che è stata coinvolta in uno studio.

READ  Un nuovo rallentamento dell'epidemia nel mondo questa settimana

Questa associazione raccomanda ai proprietari di gatti di tenerli in casa, al fine di proteggere loro e altri animali.

Per condurre questo censimento, iniziato nel 2018, i team hanno intervistato più di 2.600 residenti, analizzato archivi di stalle per animali, hanno camminato lungo percorsi designati e posizionato telecamere in più di 1.500 posizioni.

“Questa è sicuramente l’analisi più completa sui gatti che una città abbia mai fatto”, ha affermato Tyler Flockhart.

Gli strumenti online sono stati messi a disposizione delle organizzazioni che desiderano affrontare l’esercizio, insieme ad altri protocolli e linee guida.

Oltre ai gatti, le telecamere hanno immortalato anche molti animali: procioni, volpi, cervi… e persino linci.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *